Alexander Prosch: «L’obiettivo è la Coppa Europa, ma siamo ben contenti se qualcuno riesce a bruciare le tappe»

A seguire il gruppo maschile di Coppa Europa c’è Alexander Prosch. O meglio è salito Alexander Prosch che dall’esperienza a livello giovanile è pronto a guidare le squadre nella categoria superiore.
«Sarò un po’ un perno tra Carca e Deflorian, per dire chi è pronto per la Coppa del Mondo e chi da sotto per la Coppa Europa. L’obiettivo è la Coppa Europa, ma siamo ben contenti se qualcuno riesce a bruciare le tappe».

Come sono strutturate le squadre?
«C’è un bel mix in entrambe, tra chi è già pronto, penso a Kastlunger, Simoni o Franzoso, e chi deve fare esperienza, arrivando dalla C o dagli Osservati. L’idea di fondo è un po’ la stessa delle squadre di Coppa del Mondo: team con pochi elementi dove si può fare qualità, ma al tempo stesso si può trovare spazio per chi viene da fuori. Il contingente, come Nazionale, è piuttosto ampio, da almeno dieci posti per specialità: insomma le possibilità ci sono per chi va forte durante la stagione».

Due team, discipline tecniche e velocità, ma nella velocità c’è anche la sigla GS.
«Abbiamo slalomisti puri e velocisti puri, ma abbiamo anche un bel gruppo di gigantisti che vanno forte, chi anche in slalom, chi anche in velocità. Per questo ci sarà molto interscambio tra i due gruppi, viste le caratteristiche degli atleti».

Che conosci bene.

«Sì, direi di sì, dopo queste stagioni a livello giovanile. Un bel gruppo e una bella sfida».

Anche come staff tecnico ci stati grandi cambiamenti.
«Vero, ma Truddaiu arriva dalla C e dunque conosce bene molti atleti della squadra tecnica, in quella di velocità l’arrivo di Ronconi è sicuramente un valore aggiunto, vista la sua esperienza ad alto livello. Un ottimo staff tecnico, senza dubbio».

Squadre già al lavoro.
«Sì, stanno completando la parte atletica a Formia, poi a fine mese inizieranno entrambe i primi raduni sulla neve a Les Deux Alpes. Ne faremo altri a luglio ancora sulla preparazione fisica, nella prima settimana di agosto gli slalomisti andranno in capannone, i velocisti allo Stelvio. Per poi partire per l’Argentina: sarà un mese intenso dove potremo fare un bel lavoro».

Cosa ti aspetti?
«Non posso dirti un piazzamento adesso. Le premesse ci sono tutte, sarà importante essere ben presenti in Coppa Europa perché l’obiettivo vero è sempre e solo quello della Coppa del Mondo».

Altre news

A Bormio si lavora senza sosta per preparare la Stelvio

La Stelvio si prepara ad accogliere gli uomini jet della tradizionale tappa di Coppa del Mondo tra Natale e Capodanno. Due gare, magari tre, visto che a Lake Louise ieri sono tutti rimasti in albergo. Le precipitazioni nevose dei...

Lake Louise, salta la discesa di venerdì. Riprogrammata per sabato

Fatta la prima prova cronometrata, cancellata la seconda, abbassata la terza: alla fine il maltempo ha costretto gli organizzatori di Lake Louise a cancellare la discesa del venerdì (in programma alle 20.30 ora italiana), a causa della neve che...

La stagione del gigante femminile parte da Killington

Dopo la cancellazione di Sölden, la stagione di Coppa del Mondo del gigante femminile parte da Killington. Molte nazionali già da tempo in Nord America, la maggioranza a Copper Mountain, comprese le azzurre. E allora occhi puntati su Federica...

Val Gardena e Alta Badia pronte per la Coppa del Mondo

Tra tre settimane i migliori sciatori al mondo torneranno a fare tappa  Alto Adige, dove entrambi gli eventi di Coppa del Mondo si svolgeranno senza restrizioni e torneranno all'antico splendore grazie all'ampio programma collaterale. Prima si svolgeranno un superG...