Bene l'azzurro Werner Heel con il quarto tempo a soli 12 centesimi

Non cambia la musica nemmeno nella seconda prova cronometrata a Lake Louise: ancora Bode Miller il più veloce, ancora davanti a Klaus Kroell, anche se di soli due centesimi. Al terzo posto si è inserito Didier Cuche, mentre al quarto, distaccato davvero di un’inezia (12 centesimi) il nostro Werner Heel. Bene Aksel Lund Svindal, quinto, così come Peter Fill in dodicesima posizione. Insomma, prime prove ufficiali della stagione e i ‘big’ hanno voluto tastare il feeling con la velocità, spingendo a tutta. Più indietro gli altri azzurri, con Innerhofer e il sorprendente Moelgg appaiati in ventottesima posizione. Domani la terza prova cronometrata, da sabato si fa sul serio con i 100 punti in palio.

Il punto della situazione dal Canada, lo facciamo con Gianluca Rulfi: «Le condizioni sono perfette – conferma il tecnico azzurro – non c’è molta neve, ma la pista è ‘barrata’ dall’inizio alle fine. Per i prossimi due giorni le previsioni meteo dicono bel tempo, con un peggioramento domenica. Vedremo. In questi giorni, ci sono stati problemi di visibilità: ogni tanto perfette, ogni tanto un appiattimento della luce».
Un mini-bilancio azzurro.
«Bene Werner, abbastanza bene Peter, bravo Manny. Inner a strappi, può far meglio, Staudi su questa pista non riesce ad esprimersi e si blocca, Kurt inizia ad avere maggiore sicurezza con il ginocchio non al meglio, mentre i giovani stentano su un tracciato come questo».
Bode Miller davvero con una marcia in più?
«Secondo me ha ancora margini, non è stato perfetto. Lo vedo bene, perché i suoi avversari ‘storici’ su questa pista stanno facendo fatica, da Walchhofer al gruppo dei canadesi».