Gagnon: «Che sollievo tornare sul podio. E sì sono una dormigliona…»

Un ritorno di fiamma importante nell’ultima stagione, dopo due annate difficili a causa principalmente di un problema alla spalla, più volte infortunata. Marie-Michele Gagnon, Mitch per tutti, canadese, classe ’89, due vittorie e quattro podi complessivi in Coppa del Mondo, si racconta così alla FIS.

PAROLA DI CANADESE – «Ho avuto tante ricadute alla spalla, dopo Sochi – ammette la simpaticissima Mitch -. Pensavo di poter sopportare la situazione senza un intervento chirurgico, ma l’infortunio mi ha condizionato molto soprattutto dal punto di vista mentale. Nel nostro sport devi assumerti dei rischi se vuoi provare a vincere e mi sono subito resa conto che non stavo prendendo nessuno rischio neppure in allenamento per evitare ulteriori guai alla mia spalla. E se non ti testi sull’alta velocità o su linee dirette in allenamento, difficilmente farai il botto in gara. Ho potuto contare sul supporto della famiglia, del fidanzato Travis Ganong, degli allenatori e dei compagni di squadra. Ma alla fine ho deciso di ‘far fissare’ definitivamente la mia spalla, una volta per tutte. Tornare sul podio? Un sollievo, dopo due anni. Significa che tutto il lavoro fatto ha finalmente pagato i dividendi. Ma non è stato semplice trascorrere otto oro al giorno in palestra a Calgary, lavorare sulla riabilitazione e sulla fisioterapia per ritrovare la forma migliore. Ho fatto tanti sacrifici, sì, ma ne sono dimenticata una volta salita di nuovo sul podio. Sono principalmente un’atleta da discipline tecniche, ma amo anche la velocità. Mi piace la combinata perché richiede una tipologia diversa di abilità, dalla modalità discesa al “ninja attack mode” in slalom. Ho trovato una buona continuità in più discipline, sì ma ci ho messo otto anni prima di arrivare a questo livello in Coppa del Mondo. In più, le mie aspirazioni sono ben più alte che non essere tra le prime quindici al mondo in tre specialità. Sicuramente è un passo in avanti nella giusta direzione. E ho capito che la continuità si raggiunge attraverso la preparazione e la programmazione. La mia squadra è la… mia famiglia, visto che sto così lontana da casa per tanto tempo. Le mie compagne sono le sorelle, la fisio una sorta di… mamma, i coach i papà! Siamo tutti coinvolti: viaggiamo per il mondo, in hotel, celebriamo il Natale e il Capodanno lontano dalle famiglie, festeggiamo per le vittorie e ci consoliamo dopo una sconfitta, aiutandoci tutti i giorni. In più, essendo l’atleta più esperta del gruppo assieme a Erin (Mielzynski, NdR), il mio ruolo è anche quello di aiutare le giovani a inserirsi, dare loro consigli importanti. Amo diversi altri sport, tra cui tennis, ciclismo, nuoto. Ma devo calmarmi un po’, non sto mai ferma. Però ultimamente sono molto brava a… dormire, dormo tantissimo!».

 

Altre news

Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d'Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l'iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest'anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24,...

Race Future Club, Longo ai ragazzi: «Conta vincere, ma siate sempre umili per continuare a crescere»

«Ci tenevamo tanto a ricordare Elena Fanchini e così abbiamo deciso di dedicarle i nostri uffici ed una sala in particolare. Siamo orgogliosi di questo», fa sapere Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina e vice presidente vicario Fisi, mentre...

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo. Condizioni variabili al Faloria: subito un po’ di nebbia, anche qualche fiocco di neve, poi finalmente il sole per i partecipanti alla terza edizione dell’iniziativa di Race Ski Magazine che...

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...