Man of the weekend: Kjetil Jansrud

Come ogni anno, l’interesse generale per lo sci tende a scemare dopo gli appuntamenti più importanti della stagione. Quest’anno lo sono stati le grandi classiche di gennaio e come capita ogni quattro anni, non possiamo goderci un campionato del mondo o un’Olimpiade nel mese di febbraio. Adelboden, Wengen, Kitzbuehel, Schladming e Garmisch lasciano spazio ad una tappa in Corea.

COREA DOPO LE CLASSICHE: ATTENZIONE IN CALO – Sarà il luogo, la lontananza o forse il fuso orario, ma sembra che l’attenzione catturi solo gli addetti ai lavori e gli appassionati più fedeli, non certo la massa.Un peccato, perché a giocarsela ci sono sempre i migliori sciatori del mondo e le vittorie o risultati di vertice rimangono sempre una grande impresa. A prescindere dal periodo dell’anno, la scelta della Corea non sembra delle più felici. L’assegnazione dell’Olimpiade in una località di scarsa tradizione per gli sport invernali conferma sempre più quanto contino i giochi politici, anche nello sport, purtroppo. Da qui la tappa obbligata in coppa del mondo a fungere da test. Il pendio non è dei più impegnativi e la FIS ha fatto del suo meglio per movimentare la pista di Jeongseon con alcuni salti, che hanno comunque regalato spettacolo. La discesa è piuttosto lenta, il super G molto più bello da vedere. In entrambi i casi, ogni piccolo errore di traiettoria si paga caro.

ATTENZIONE A JANSRUD PER LA COPPA DEL MONDO DI DISCESA– Possiamo individuare il protagonista del week end in Kjetil Jansrud, più che altro per fare una precisazione. A detta di molti, il campione norvegese torna vincente “grazie” all’infortunio di Aksel Svindal. Difficile credere che sia davvero la sventura del compagno di squadra a riportarlo alla vittoria, anche perché si tratta della terza in questa stagione, senza dimenticare due secondi e due terzi posti. La supremazia di Svindal era evidente, su tutti. Jansrud era e resta fortissimo, ma più umano, diciamo così. Va piuttosto sottolineato il feeling perfetto con la neve e pendio coreano fin dalla prima prova. Al contrario del super G, dove sbaglia ed esce, la gara di discesa la conduce senza grosse sbavature e con grande sensibilità, necessaria per creare velocità sufficiente e traiettorie pulite. Lo stato di forma sembra ideale per la caccia alla coppa di specialità, dove troviamo in piena lotta anche Peter Fill. Staremo a vedere. Nel frattempo, attendiamo il prossimo week end, questa volta in Giappone, dove si torna al gigante e slalom.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...