25 anni di sci club Drusciè. Alberti: «Un team di valore con solidi legami e professionalità»

Lo sci club Druscié Cortina spegne 25 candeline. Era infatti il 30 settembre del 1996 quando cominciava la storia del sodalizio ampezzano. Il Druscié nasceva per iniziativa di un gruppo di amici, appassionati della neve e della montagna (e in particolare della conca ampezzana), desiderosi di fare qualcosa insieme, divertendosi in un clima di serenità, sulla neve e sul ghiaccio. A coordinare il gruppo, Mauro Lanaro. Ed è proprio il primo presidente che racconta gli esordi del primo quarto di secolo dello sci club.

«Siamo partiti in una cinquantina di amici, in quel 1996, con l’idea di creare una realtà che potesse vivere lo sport in maniera ludica, con impegno sì ma senza eccessivo stress agonistico» racconta Lanaro. «Praticavamo lo sci alpino ma anche lo sci di fondo, gli sport del ghiaccio e il golf. Il primo evento che abbiamo proposto è stata una gara in notturna, sulla ora dismessa pista Guargné. Fu un gigante molto partecipato, di carattere promozionale, e al via avemmo anche Kristian Ghedina. Tutti gli eventi che proponevamo in quegli anni avevano carattere promozionale e coinvolgevano grandi e piccoli. Il più partecipato era il gigante del 2 gennaio: davvero in quell’occasione c’era il mondo a sciare a Col Gallina».

«Tra gli episodi divertenti di quegli anni, ricordo quando “inondammo” Cortina con le nostre giacche gialle della Bogner, “copiandole” dalla nazionale tedesca, o quando conquistammo il secondo posto al campionato italiano di curling» dice ancora il primo presidente e ora presidente onorario del Druscié. «Negli anni successivi, sotto la guida di Flavio Alberti, il club si è focalizzato quasi esclusivamente sullo sci alpino e sull’agonismo, con risultati di livello nazionale e internazionale che non possono che riempirci di orgoglio».

«Siamo arrivati ai vertici delle graduatorie nazionali, portando i nostri atleti a vestire la tuta azzurra e a gareggiare in Coppa del mondo ma, soprattutto, siamo riusciti, grazie al contributo di tutti, a creare un team di valore, dalle solide professionalità e dai solidi legami umani» sottolinea Flavio Alberti. «Dopo questo primo quarto di secolo, ripartiamo verso la prossima stagione e verso il futuro con determinazione, entusiasmo e obiettivi condivisi. E con gratitudine verso chi questa nostra storia l’ha fatta iniziare, il 30 settembre di venticinque anni fa».

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...