Melesi: «Sono tornata a divertirmi. Una rivincita personale»

Quattro chiacchiere con la talentuosa 19enne di Ballabio, che si è ripresa la Nazionale vincendo la classifica generale del Grand Prix (più quella di velocità)

0
Roberta Melesi @Chiericato

Undici mesi fa, poco più, di questi tempi, ‘perdeva’ il posto in Nazionale. Nemmeno 365 giorni dopo, si riprende di prepotenza la ‘maglia azzurra’ dello sci alpino, dopo una stagione super nel Grand Prix (vittoria nella classifica generale e in quella di velocità). Roberta Melesi, lecchese di Ballabio, 19 anni, cresciuta nello Sci Club Lecco, passata dal Radici Group e oggi nelle Fiamme Oro, già campionessa italiana giovani di gigante a Courmayeur 2013, è letteralmente rinata dopo una stagione difficile sotto tanti punti di vista.

Roberta, com’è nata questa grande annata?

«Semplicemente con la voglia di tornare a divertirmi ed essere felice, è una rivincita personale e solo per me stessa e per le persone che hanno sempre creduto in me».

Ci spiega cos’è successo nella stagione 2014-2015?

«Ho avuto delle problematiche che non mi hanno permesso di esprimere il mio potenziale e la persona che sono».

Come ha vissuto la prima esperienza in azzurro?

«La prima esperienza in Nazionale è un po per tutti un anno difficile, in quanto si passa da una piccola realtà come lo Sci Club e il Comitato di appartenenza, a una ben più grossa: quindi nuove persone con cui lavorare, nuove amicizie, nuovi rapporti e un nuovo metodo di lavoro».

Punti di forza e aspetti da migliorare della sua sciata?

«I miei punti di forza tecnici sono l’entrata curva pulita e il modo in cui tengo lo sci sullo spigolo lungo tutto l’arco di curva; i punti deboli invece sono la posizione sugli sci, un po’ ribassata e logicamente tanti altri errori, sui quali lavorerò».

Ha già un obiettivo per il 2017?

«Andare forte, non voglio pensare precisamente a singoli obiettivi in questo momento, lavorerò al massimo dando tutta me stessa e vedremo cosa verrà».