Via Lattea, numeri e proposte da Coppa del Mondo

0

La cornice è ancora quella del Teatro Regio nel cuore di Torino: la Vialattea si presenta. Presenta le offerte per la nuova stagione, i successi e le problematiche, i programmi rivolti all’attività agonistica. I numeri che campeggiano sui monitor testimoniano bene cosa è oggi Vialattea, nel dodicesimo anno del cambio gestione: «1.246.600, rappresenta il numero delle giornate sci vendute, 13.797.742 quello di passaggi realizzati sugli impianti, 29.951.994, gli incassi provenienti solo dalle biglietterie e il quarto, 0, l’indebitamento bancario. Non credo che in Italia ci siano, oggi, tante società del settore anche solo capaci di avvicinarsi a questi numeri e credo che anche in Europa siano poche quelle che fanno meglio di noi», conferma con orgoglio e soddisfazione il presidente della Sestrieres SpA, Giovanni Brasso. La politica resta sempre quella di fornire il miglior prodotto possibile al minor prezzo praticabile: il costo dello skipass giornaliero resta invariato rispetto allo scorso anno (37 euro), mentre sono state ‘create’ tre formule per gli stagionali, Open, per chi vuole sciare dall’apertura alla chiusura degli impianti, Standard, per quella che è considerata la stagione vera e propria, dal 23 dicembre alla prima domenica di aprile, e Montiluna, destinata a chi intende sciare solo sull’area Montiluna Claviere. Il tutto con l’ormai collaudata formula del co-marketing: una serie di agevolazioni del controvalore degli skipass stagionali e giornalieri. Si va dai servizi alla cultura, dal benessere al cibo, dallo sport alla spesa. E si risparmia anche sul viaggio. Continua, infatti la collaborazione tra la Sestrieres e la SITAF, la società che gestisce l’autostrada della Valle di Susa. Anche quest’anno chi acquista lo stagionale avrà la possibilità, abbinando il proprio skipass a un Telepass Family, di risparmiare nei transiti verso la montagna. Insomma tutto quello che si può fare per soddisfare le esigenze degli sciatori. Anche quelli più piccoli: tutti i bambini nati dal 2010 e successivi pagano 8,50 euro al giorno, uno skipass che non è vincolato a un acquisto da parte dell’accompagnatore ed è comprensivo della polizza Protezione Neve. Il tutto anche considerando il successo della Settimana dello Sport nel periodo di Carnevale, entrata dallo scorso anno scolastico nel calendario regionale piemontese. E il capitolo agonismo? La Coppa del Mondo piace ed è piaciuta. E tornerà sulle nevi del Colle. C’è già la data, quella del 14 e 15 dicembre 2019: doppio appuntamento con gigante e slalom femminile.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.