©Agence Zoom

Mentre le piste della Val Senales da oggi sono chiuse, la tappa di Coppa del Mondo di snowboard cross di Cervinia è stata cancellata e quella di fondo di Lillehammer ha fatto la stessa fine, Val d’Isère conferma l’intero “pacchetto” di gare. Ed è un gran bella notizia per lo sci alpino, che dopo Soelden e dopo dubbi più che leciti delle ultime settimane, va avanti. Levi ha ricevuto il semaforo verde dalla Federazione internazionale dopo il consueto controllo neve, le autorità prefettizie invece hanno dato il via libera al “Criterium de la Première neige” che non era così al sicuro dopo le nuove restrizioni imposte dal governo francese. La task force della Fis e il comitato organizzatore hanno lavorato da subito e – anche se la Fis non ha ancora ufficializzato – i colleghi francesi di Ski-Chrono confermano che le gare in Francia ci saranno. Dunque via ai tre fine settimana consecutivi di gare: si parte con il gigante e lo slalom uomini il 5 e 6 dicembre, poi dal 9 al 13 toccherà ai velocisti, mentre la settimana successiva, quella dal 16 al 20 dicembre, spazio alle donne della velocità. I prossimi giorni saranno invece decisivi per Courchevel: dopo un altro giro di riunioni, lunedì verranno date ulteriori informazioni.

Intanto tra una settimana ripartirà la Coppa del Mondo femminile con i due slalom di Levi. Quest’anno, a differenza del passato, sulla pista Black andranno in scena due prove femminili nell’ottica di ottimizzare viaggi e spostamenti e di evitare incroci con il settore maschile per questioni legate alla pandemia.