Tutti i limiti dei Giochi

Abbiamo incontrato Riccardo Zanoni di SRS (Ski Racing Suppliers assocation), l’associazione internazionale delle aziende fornitrici che operano nel ‘Circo bianco’. Svizzero di Crans Montana, è lui che qui a Vancouver fornisce ai service di tutto il mondo accrediti e pass: una figura molto importante soprattutto ai Giochi Olimpici, visto le moltitudini di restrizioni e l’obbligo di esibire permessi in ogni location. Ieri nelle ‘cabine’ degli skiman c’era una vera e propria processione: Zanoni è anche quello che cerca di trovare una soluzione logistica nell’immediato, ed è quello che ricorda sempre agli addetti ai materiali obblighi e regolamenti, un ruolo importante per quel che riguarda le aziende ad un Olimpiade sono gli spazi pubblicitari su tute, protezioni e qualsivoglia accessorio degli atleti. La regola olimpica parla chiaro: chi sgarra paga, e a pagare sono gli atleti, in termini di squalifica ovviamente. I marchi aziendali sulla fornitura sono limitati nelle dimensioni: sei centimetri quadrati per i marchi su guanti, occhiali, maschere, protezioni, cappellini, fascette, invece quindici centimetri quadrati per il casco e venti per tute da gara e giacche. Tuttavia nei regolamenti non si parla di centimetri quadrati della superficie del simbolo, ma invece del quadrato che delimita i punti estremi della figura. E poi la pubblicità. Le aziende non possono fare pubblicità con i loro atleti rappresentativi non solo durante il periodo olimpico, ma anche cinque giorni prima della cerimonia di inaugurazione e tre giorni dopo. Ed anche i responsabili dei service devono rispettare queste regole: vengono controllati tutti minuziosamente al loro ingresso nel parterre. Abbiamo chiesto a Marco Pastore di Dainese cosa ne pensa: “Ritengo si tratti di un regolamento antiquato. Le aziende investono già tanto per gli atleti ed è assurdo limitarne la visibilità ad un evento importante quale è l’olimpiade. Non solo, gli stessi atleti non possono comunicare nulla a nessuno. Mi pare eccessivo e controproducente per tutti. Penso di non essere l’unico a ritenere il dilettantismo inesistente nello sci di alto livello”.

Altre news

Braathen operato di appendicite. Rientro per lo slalom iridato del 19?

Lucas Braathen è stato operato di appendicite acuta in Austria presso l'ospedale di Zell am See. Il fuoriclasse norvegese è stato dimesso in mattinata. Piinheiro ha accusato dolori forti all'addome durante una vacanza a Parigi dopo lo slalom di...

Alleghe, Pizzato gigante. Rigamonti (2°) si impone nel GPI Junior su Bertoldini e Claudani

Seconda gara ad Allegjhe: nel gigante Fis ottima prestazione dell'azzurrino Stefano Pizzato. Il C anticipa Leonardo Rigamonti Fiamme Gialle, quindi Andrea Bertoldini del Lecco AC, staccati rispettivamente di 42 e 56 centesimi. Bella prova dei due che si mettono dietro...

Coppa Europa, due top ten per le azzurre nelle discese di Chatel

La Coppa Europa femminile fa tappa sulle nevi francesi di Chatel con due discese e un superG, recupero di quello di San Pellegrino. Mercoledì, nella prima discesa, doppietta austriaca con Christina Ager che precede di 38 centesimi Nadine Fest,...

Limone, Platino si impone nettamente in gigante. Rosca anticipa Collomb e Marangon nel GPI

Seconda gara a Limone Piemonte griffata Equipe Limone e Ski College Limone. Ed è tempo di gigante Fis, con una netta vittoria dell'azzurra Elisa Platino che mette dietro di gran lunga altre due atlete della squadra nazionale: a 1.82...