«La fatica non è mai sprecata. Soffri, ma sogni». Era il moto di Pietro Mennea, campione olimpico sui 200m piani a Mosca 1980 e ancora oggi primatista europeo sulla distanza (19”72, per 17 anni anche record del mondo), una frase che campeggia sulla home page del sito ufficiale in grado di illustrarci tutto il valore del Centro di Preparazione olimpica del CONI a Formia, dove proprio il campione barlettano era di casa. Riparte ufficialmente da qui, dal tempio della fatica italiana, dopo i test atletici in Mapei, il lavoro di sette atlete azzurre, di fatto il primo vero impegno della stagione 2017-2018.

Hanna Schnarf in Mapei (@Pag. FB ufficiale)

FATICA – Mercoledì 17 maggio, infatti, cinque atlete della squadra di velocità femminile in Coppa del Mondo (Nicol Delago, Verena Gasslitter, reduce da un infortunio al ginocchio, Laura Pirovano, Johanna Schnarf e Verena Stuffer, assenti solo Elena Fanchini, ancora in riabilitazione dopo l’intervento chirurgico e Francesa Marsaglia, rientrata mercoledì dalle vacanze), con in più Federica Sosio del gruppo discipline tecniche e Marta Bassino, team polivalenti, hanno sostenuto i primi test atletici allo Sport Service Mapei di Olgiate Olona per poi viaggiare alla Volta di Formia, Latina, con i tecnici Scolari, Scarian, Radici e Tavola, dove si fermeranno fino a mercoledì 24 maggio.

Centro Formia (@Sito ufficiale)