Beat Feuz ©Fisi/Pentaphoto

Fa festa la Svizzera nella discesa libera di Beaver Creek, anticipata di ventiquattro ore per ragioni di meteo. A vincere è stato Beat Feuz che ha staccato il miglior tempo (1’13″19) in una gara davvero tirata. Ha preceduto il compagno di squadra Mauro Caviezel, dietro di soli 7 centesimi e al terzo podio in carriera. Terzo posto per un Aksel Lund Svindal che nonostante l’infortunio alla mano continua a stupire. Sul podio con un ritardo di 8/100. Bene anche i francesi, che in una gara dai distacchi minimi non sono però riusciti a trovare il podio: quarto Adrien Theaux a 21/100, quinto Johan Clarey, pari merito con l’austriaco Vincent Kriechmayr, a 26/100.

DODICESIMO PARIS – Dominik Paris ha chiuso la gara in dodicesima posizione, perdendo molto nell’ultimo tratto. Passi avanti in generale per Emanuele Buzzi che anche oggi ha fatto una buona prestazione: 1″01 di ritardo e 21a posizione. Christof Innerhofer, bene nel primo tratto iniziale nonostante la nebbia entrata, ha perso sul finale – come molti altri concorrenti – e ha chiuso al 22° posto a 1″02. Nel complesso non una bella prova per la squadra azzurra.

CADUTA FILL – Peter Fill è invece caduto di schiena nell’ultimo tratto della gara. Un brutto volo e per certo qualche contusione, ma l’azzurro non dovrebbe aver riportato nulla di grave e preoccupante. 

DRESSEN ESCE IN TOBOGA – Brutta caduta invece per Thomas Dressen che stava disputando una grande gara ed era ‘verde’ nei confronti di Beat Feuz. Il tedesco ha spigolato a tutta velocità ed è finito contro le reti A. È stato trasportato a valle con il toboga, forse per problemi al ginocchio.

Domani il superG che in origine era programmato per la giornata di oggi (venerdì). Gara che verrà trasmessa in diretta su Raisport ed Eurosport a partire dalle ore 19.

LA CLASSIFICA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.