Due grandi manche sul ghiaccio vivo della Planai hanno regalato l’oro del gigante alla francese Tessa Worley, già bronzo a Garmisch due anni fa. Non è bastata la seconda manche ‘a tutta’ di Tina Maze che conquista la terza medaglia a Schladming, perchè la francese, partita con 1.09 di vantaggio ha chiuso con 1.12 sulla slovena. Al terzo posto quella che doveva essere l’eroina dei Mondiali, Anna Fenninger, staccata di 1.18. L’Austria conquista anche la ‘medaglia di legno’ con Kathrin Zettel (+ 1.54).

AZZURRE – Undicesimo posto per Manuela Moelgg, autrice di una buona seconda manche che rimane comunque a 3.33 dalla vincitrice. Quattordicesima a 3.79 Irene Curtoni, Denise Karbon, trentunesima nella prima manche, non è scesa nella seconda. Era uscita nelle prime porte della prima manche Nadia Fanchini.

TOP TEN – Al quinto posto la svedese Frida Hansdotter (+ 2.28), poi la statunitense Mikaela Shiffrin (+ 2.30), la svizzera Lara Gut (+ 2.38), la canadese Marie-Michele Gagnon (+ 2.63), nona la tedesca Maria Hoefl-Riesch (+ 3.02) e decima la slovena Ana Drev a 3.05.