Karoline Pichler di nuovo sugli sci allo Stelvio

Dieci mesi dopo esatti e con grande emozione. Karoline Pichler è tornata sugli sci e lo ha fatto domenica 20 agosto, dopo il brutto infortunio rimediato il 20 ottobre dello scorso anno, a pochi giorni dall’opening di Soelden. L’azzurra è tornata a tirare curve sul ghiacciaio dello Stelvio, che avrebbe dovuto riaprire e che invece ha posticipato la data per le alte temperature. Karoline Pichler non vedeva l’ora di rimettere gli sci e così si è organizzata con Karlheinz. «Ormai avevo troppa voglia di sciare», esclama.

Karoline Pichler in azione in slalom gigante @Agence Zoom

DURO E LUNGO PERIODO – Karo all’inizio della passata stagione si ruppe menisco, crociato e collaterale del ginocchio destro. Un infortunio che avrebbe anche potuto condizionare il suo futuro e la sua carriera. Vedremo ancora Pichler in pista? Oggi la risposta, Pichler è tornata con la stessa voglia e la stessa grinta di sempre, pronta a combattere ancora. «Domenica? Un giorno molto speciale il ritorno sugli sci – dice -. Sono salita insieme alla fisioterapista Seraina Pazeller e ho trovato condizioni molto difficili: neve dura, ma il mio ginocchio ha reagito davvero bene».

Karoline PIchler

EMOZIONE UNICA – «Ho lavorato davvero tanto e sono tornata sugli sci solo quando ho raggiunto il 100% della mia condizione. È stata una domenica emozionante, questo infortunio ha richiesto tanto impegno. Ora si riparte, un grazie enorme lo devo ai dottori Stefan Hinterwimmer di Monaco e Florian Perwanger della clinica Orthoplus: è la terza volta in tre anni che torno in pista dopo un infortunio ed è anche merito loro. Infine un grazie a Seraina, fisioterapista e amica, senza di lei nulla di tutto questo sarebbe stato possibile».

IN PISTA CON LA SQUADRA – Karoline dopo il primo giorno di sci sta già pregustando la prima uscita con la sua squadra. «Devo chiaramente vedere come reagirà il ginocchio davanti a più giornate sulla neve, atleticamente sono messa molto bene».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.