Mikaela Shiffrin in azione nella prima manche ©Zoom

Certezza Mikaela Shiffrin: la statunitense comanda dopo la prima frazione del gigante di Sölden che questa mattina ha aperto la Coppa del Mondo. Dal Rettenbach poi arriva la conferma delle voci che davano in forma smagliante la neozelandese Alice Robinson: termina a soli 14 centesimi dalla Shiffrin e mette subito in chiaro che per la vittoria finale bisognerà fare i conti con lei. 

NONA MARSAGLIA – L’Italia c’è: Federica Brignone termina a 86 centesimi dalla testa della classifica. Si difende sul muro, rimonta nel finale: per il podio (e non solo) Federica risponde presente. A 95 centesimi si piazza la slovena Meta Hrovat, mente quinta la norvegese Mina Fuerst Holtmann. Sesta la francese Tessa Worley, settima a 1.47 la slovacca allenata dal nostro Livio Magoni Petra Vhlova. E brava Francesca Marsaglia: la romana di san Sicario con il 26 chiude nona a 1.84. Marta Bassino al momento termina tredicesima a 2.04, mentre a 2.13 diciottesima Irene Curtoni. Ventinovesima Roberta Melesi a 2.92. Non si qualificano Roberta Midali e Karoline Pichler. Per 3 centesimi, trentaduesima, non riesce ad accedere alla seconda manche Sofia Goggia che era al via con il 64. 

Guarda la classifica della prima manche  

PAROLA A FEDE – Ci dice Brignone dopo il primo round: «Forse per strafare mi sono agganciata con l’interno alla seconda porta per spingere, poi anche nel raccordo prima del piano finale non sono stata brillantissima. Comunque sono terza e la prima manche della stagione è sicuramente positiva». Arriva nel parterre Marta: «Sul muro ho fatto fatica a prendere il giusto ritmo, adesso c’è la seconda manche che deve essere una occasione per recuperare».