Schieppati, ultima chiamata per Vancouver

"Domani devo fare un quinto posto per qualificarmi per Vancouver. Sarà dura, ma in questo sport non si può dare nulla per scontato, attaccherò". Alberto Schieppati è sdraiato sul letto della camera d’albergo. Nelle ultime settimane si sente ancora stanco, "Ho avuto una ricaduta per quel virus che l’anno scorso mi ha messo ko. Prima di Natale quando stavo raggiungendo l’apice della forma ho iniziato a sentirmi sfibrato, spossato. Così faccio fatica a rendere al massimo in gara per questo la diciannovesima posizione di oggi va tutto sommato abbastanza bene. Dopo la gara avevo le gambe durissime, un legno. Poi certo, si sono giornate dove sono più brillante, speriamo domani. Questa pista mi piace, ho fatto podio nel 2004". Con Max Blardone, Davide Simoncelli e Manfred Moelgg oggi sarebbe qualificato per Vancouver Alexander Ploner grazie ad un sesto posto. Intanto applaudiamo il quattordicesimo posto di Florian Eisath, "Finalmente sono tornato a ridosso dai primi". Eccellente prestazione di Michael Gufler, miglior tempo nella seconda manche, mentre Omar Longhi ha chiuso ventinovesimo. "Peccato l’errore nella seconda manche, altrimenti ero anche io nei venti".
 

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...