Fill l'anno scorso in azione a Santa ©Agence Zoom

Archiviate le tappe di Coppa del Mondo in Gardena, Badia e Campiglio, adesso, la massima serie maschile fa tappa nella quarta e ultima località italiana: tutti a Santa Caterina Valfurva già dalla sera di Natale. Infatti lunedì 26 è in programma la prova cronometrata sulla Deborah Compagnoni in vista di un trittico di competizioni. Martedì il superG recupero di Lake Louise, mercoledì la discesa e giovedì la combinata (superG e slalom). Intanto nelle ultime ore è sempre più incessante la voce che vedrebbe la partenza della discesa abbassata. La start area sarebbe posta al primo salto: è vero, mancano così solo 7-8 secondi di gara, ma questo spettacolare volo fra le rocce sarebbe eleminato e anche le parti difficili a seguire si andrebbero ad affrontare a velocità differente. Intendiamoci, la Compagnoni di Santa è una signora pista, un pendio spettacolare ed insidioso, ma questa scelta pare discutibile. Non c’è una versione ufficiale, ma si parla di scelta fatta per la sicurezza, dal momento che tre gare su un pendio del genere sarebbero troppo faticose. Un’altra voce sussurra che alcune squadre avrebbero fatto pressioni per partire dal primo salto. Tutte le decisioni verranno ufficializzate comunque nella prima riunione tecnica, ma la partenza abbassata sembra cosa fatta.

La Deborah Compagnoni ©Gabriele Pezzaglia
La Deborah Compagnoni ©Gabriele Pezzaglia

PAROLA A FILL E INNERHOFER – E cosa dicono gli azzurri? Peter Fill fa sapere: «E’ un peccato, ma la pista rimane ugualmente difficile e spettacolare. Certo, in questo modo è un pò meno difficile, ma ripeto, sempre impegnativa». Sul tema anche Christof Innerhofer: «Senza il salto iniziale si toglie un po’ di spettacolo alla Compagnoni. E’ sempre una pista che mi piace molto ed è un pendio davvero esigente, ma per il pubblico quel salto iniziale rimane uno dei punti più emozionanti». Vedremo le decisioni ufficiali in merito allora…

Fill in allenamento settimana scorsa ©Andreola
Fill in allenamento settimana scorsa ©Andreola

I CONVOCATI ITALIANI – Alla prova del 26 prenderanno parte Dominik Paris, Christof Innerhofer, Peter Fill, Mattia Casse, Werner Heel, Paolo Pangrazzi, Emanuele Buzzi, Guglielmo Bosca, Matteo De Vettori, Henri Battilani, Federico Paini e Davide Cazzaniga per nove posti a disposizione. Nel superG al via Dominik Paris, Christof Innerhofer, Peter Fill, Mattia Casse, Emanuele Buzzi, Guglielmo Bosca, Luca De Aliprandini e un ottavo ancora da stabilire. Sarà Battilani visto l’ottavo posto in superG in Coppa Europa o anche Tonetti potrebbe essere al via. Vedremo. Mentre in combinata ecco Dominik Paris, Christof Innerhofer, Peter Fill, Mattia Casse, Matteo De Vettori, Riccardo Tonetti, Federico Paini e Paolo Pangrazzi.

christof-innerhofer
Innerhofer in allenamento sulla Compagnoni ©Andreola