Rulfi suona la carica per il gigante del riscatto

Domani il grande giorno del gigante olimpico femminile (prima manche 9.30, seconda 14.30). Ecco Gianluca Rulfi, il coach del gruppo Elite e direttore tecnico, alla vigilia.

Ci siamo. Come avete trascorso la vigilia del primo appuntamento olimpico?

«Più che un allenamento vero e proprio, il lavoro svolto in Cina è stato indirizzato all’adattamento alla neve. Trovare le giuste sensazioni, il feeling. Le ragazze hanno cercato di affinare i dettagli sui materiali, decidere il set-up e comunque in generale le soluzioni da adottare per questo manto»

Che tipo di neve troveranno? E la pista?

«La pista è tendenzialmente ripida, bel pendio. Per quanto riguarda la neve l’hanno fresata di nuovo, potevano anche evitarlo. Così è più facile, ma è uguale per tutte le big comunque»

Le nostre vengono da una stagione non sfavillante per quanto riguarda il gigante rispetto al dominio degli anni passati. Come mai?

«I motivi sono diversi, il punto finale è oggettivo. Abbiamo fatto più fatica, un passo indietro. Il livello secondo me è rimasto uguale, è il nostro team che in gigante è indietreggiato. Ma domani è un altro giorno, queste ragazze sono capaci di tutto, lo hanno dimostrato in questi anni. Ho fiducia, veniamo comunque da un periodo positivo. Stiamo crescendo, domani mi aspetto un gran colpo. E poi (ride n.d.r) c’è anche Paris eh…(come per non dare troppa pressione solo alle ragazze n.d.r)

Obiettivo medaglie senza se e senza ma quindi…

«Certo. Marta Bassino e Federica Brignone sono sempre fra le migliori interpreti della specialità. Con il bagaglio accumulato, e le loro capacità, c’è solo il podio come obiettivo. Era ed è questo il nostro fine. Può accadere di tutto, loro sono consapevoli che non devono sbagliare nulla, devono essere superlative»

Come vi siete trovati in Cina dal punto di vista dell’organizzazione e della gestione della vigilia?

«L’Olimpiade è sempre un po’ complicata, questa per motivi legati alla pandemia ancora di più. Ma le ragazze sono delle professioniste e sono capaci di tenere alta la tensione agonistica e rimanere concentrate sul focus olimpico. I dettagli sono importanti nell’alto livello, la gestione di un grande evento è una specificità fondamentale»

Prima sessione alle 9.30 e seconda 14.30. Non è un po’ troppo il tempo fra le due? Come pensate di organizzarvi?

«Si, c’è tanto, troppo tempo. Del resto ci sono esigenze televisive che obbligano questa decisione. Le ragazze dovrebbero tornare al villaggio olimpico dopo la prima manche per per rilassarsi un attimo, alimentarsi, riattivarsi.». 

ARulfi e Brignone ©Pentaphoto

 

Altre news

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...

Asiva in festa a Gressan, 150 premiati. Mosso: «Contenti della stagione, i nostri progetti funzionano»

Sono stati 150 i premiati all'annuale festa dell'Asiva, disputata sabato all'area verde di Gressan, una manciata di chilometri più in là di Aosta. Un pomeriggio di premiazioni, utile anche a tracciare il bilancio della stagione, definita positiva dal presidente...