Ravetto: "Ora ci alleneremo anche nella gimkana"

Ravetto 'ironizza' sul tracciato della seconda manche del francese Theolier

"Mi assumo le responsabilità, ho fatto male a non far allenare i ragazzi nella nuova disciplina dello sci alpino, la gimkana”. Scherza Claudio Ravetto a proposito della tracciatura davvero singolare della seconda manche, ma poi si fa serio. “Un tracciato davvero strano, anomalo, una lotteria. Peccato, Manfred poteva salire sul podio, ma quest’anno ci si mette proprio la sfortuna. Cosa hanno Herbst, Pranger e Kostelic più di Manni? Un pizzico di convinzione in più”. Manfred comunque è soddisfatto per la quarta piazza. Era teso prima della seconda sessione. E’ rimasto a ripassare il tracciato in un angolo prima di attaccare la Planai sotto la neve: “In alto ho perso il podio, ma prima o poi sento che arriverà. Oggi ho attaccato ma il tracciato era proprio strano”. E’ sereno Giuliano Razzoli. Dodicesimo al traguardo se la ride: “Dai, dopo tre uscite ci voleva un piazzamento. La tracciatura? Mai vista una roba del genere”. Il suo skiman Patrik Merlo esulta: “Peccato per Thaler, ma Razzoli doveva arrivare. Il podio di Zagabria ha fatto vedere le sue potenzialità ed ora bisogna lavorare sulla continuità”. Chi non è soddisfatto della prestazione sulla Planai è Giorgio Rocca. Il “capitano” azzurro scappa dalla finish area e dal finestrino del furgone dello skiman Reinhard Brugger commenta: “Ho sciato legato, devo trovare brillantezza. Così non va. Aspetto Garmisch domenica prossima”.  Rammarico infine per Cristian Deville: il fassano era alla disperata ricerca di un risultato per agganciarsi al treno Mondiale, ma quando sembrava aver ritrovato brillantezza d’azione in allenamento, ci si è messa una fastidiosa influenza a ‘segargli’ le gambe questa mattina. Nella prima manche ci ha provato, ma da metà in giù non ne aveva davvero più. Generoso anche Stefano Gross: non ha centrato la qualificazione, ma almeno ci ha provato. "Non male in alcun sequenze sul muro" ha commentato Max Carca, al nostro fianco durante la prima manche.

 

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...