Ravetto: "Ora ci alleneremo anche nella gimkana"

Ravetto 'ironizza' sul tracciato della seconda manche del francese Theolier

"Mi assumo le responsabilità, ho fatto male a non far allenare i ragazzi nella nuova disciplina dello sci alpino, la gimkana”. Scherza Claudio Ravetto a proposito della tracciatura davvero singolare della seconda manche, ma poi si fa serio. “Un tracciato davvero strano, anomalo, una lotteria. Peccato, Manfred poteva salire sul podio, ma quest’anno ci si mette proprio la sfortuna. Cosa hanno Herbst, Pranger e Kostelic più di Manni? Un pizzico di convinzione in più”. Manfred comunque è soddisfatto per la quarta piazza. Era teso prima della seconda sessione. E’ rimasto a ripassare il tracciato in un angolo prima di attaccare la Planai sotto la neve: “In alto ho perso il podio, ma prima o poi sento che arriverà. Oggi ho attaccato ma il tracciato era proprio strano”. E’ sereno Giuliano Razzoli. Dodicesimo al traguardo se la ride: “Dai, dopo tre uscite ci voleva un piazzamento. La tracciatura? Mai vista una roba del genere”. Il suo skiman Patrik Merlo esulta: “Peccato per Thaler, ma Razzoli doveva arrivare. Il podio di Zagabria ha fatto vedere le sue potenzialità ed ora bisogna lavorare sulla continuità”. Chi non è soddisfatto della prestazione sulla Planai è Giorgio Rocca. Il “capitano” azzurro scappa dalla finish area e dal finestrino del furgone dello skiman Reinhard Brugger commenta: “Ho sciato legato, devo trovare brillantezza. Così non va. Aspetto Garmisch domenica prossima”.  Rammarico infine per Cristian Deville: il fassano era alla disperata ricerca di un risultato per agganciarsi al treno Mondiale, ma quando sembrava aver ritrovato brillantezza d’azione in allenamento, ci si è messa una fastidiosa influenza a ‘segargli’ le gambe questa mattina. Nella prima manche ci ha provato, ma da metà in giù non ne aveva davvero più. Generoso anche Stefano Gross: non ha centrato la qualificazione, ma almeno ci ha provato. "Non male in alcun sequenze sul muro" ha commentato Max Carca, al nostro fianco durante la prima manche.

 

Altre news

Raffaelli: «Voglio portare le istanze della base in via Piranesi»

Massimo Raffelli, 56 anni aostano e laureato in economia aziendale, da 14 anni è presidente dello Sci Club Aosta. Il 15 ottobre ha deciso di candidarsi nel ruolo di consigliere federale. Eccolo: «Vengo dalla base e con lo sci...

Atomic e Falconeri Ski Team proseguono insieme: siglato accordo fino al 2025

Atomic prosegue nella sua politica di stretta partnership con alcune delle più importanti realtà italiane che si contraddistinguono per l’impegno nel diffondere la pratica dello sci agonistico. Alla luce di questo, l’azienda ha rinnovato l’accordo di collaborazione per tre...

L’impegno di Sima continua

Enzo Sima è pronto per restare in consiglio federale. Il friulano ha scelto di sostenere Alessandro Falez come presidente e subito spiega le sue ragioni: «Innanzitutto il mio impegno per la Fisi continua, ho a cuore questo mondo. Abbiano...

Da Soelden a Soldeu, tante occasioni per staccare un biglietto e assistere alla Coppa

La prima neve è arrivata, i ghiacciai stanno riaprendo, le squadre stanno ultimando le lunghe trasferte oltreoceano e si apprestano ormai - chi prima e chi dopo - a rientrare e a fare ritorno sulle nevi europee. Ormai si...