Mentre i compagni di squadra rientrano da Ushuaia

Anche la squadra ‘tecnica’ maschile francese ha lasciato Ushuaia. Come gli azzurri tre settimane di lavoro a Cerro Castor per il gruppo di David Chastan, puntando più sul gigante che sullo slalom. Il più in forma di tutti Alexis Pinturault. Brillante in slalom, velocissimo in gigante anche nel confronto con Hirscher che è arrivato nella Terra del Fuoco a fine agosto. La prova con il cronometro lo ha visto quasi sempre davanti a tutti, anche se il pensiero è soprattutto rivolto ai materiali. Per ‘Pintu’ la trasferta sudamericana continua, visto che è con i velocisti francesi in Cile. Obiettivo maggiore feeling con la velocità, una migliore posizione in discesa con l’obiettivo superG per la Coppa del Mondo. C’è poi il ritorno di JB Grange: l’infortunio al ginocchio è completamento recuperato, ancora qualche ‘dolorino’, ma le sensazioni sono buone soprattutto in slalom, con la consapevolezza soprattutto di poter sciare senza pensare ai guai fisici. Il savoiardo si è allenato anche in gigante, ma difficilmente sarà in gara a Soelden. In gigante poi il ‘solito’ Fanara, Cyprien Richard al lavoro sul cambio materiali così come Julien Lizeroux; unica nota negativa l’infortunio del giovane Theolier che salterà la stagione per la rottura del crociato. Una settimana di riposo, poi dal 24 settembre nuovo raduno a Saas-Fee.