©Robert Perathoner/Saslong Classic

VAL GARDENA LIVE – Cielo sereno, giornata spettacolare in Val Gardena, ma sarà la penultima dopo che Funivie Saslong hanno comunicato che quest’anno non apriranno. Una notizia che fa davvero male alla valle e a tutto il mondo dello sci, proprio alla vigilia dell’appuntamento di Coppa del Mondo con il classico superG di oggi e la discesa di domani. 

Che cosa bisognerà aspettarci dalla gara di oggi? Dominik Paris non ha buone sensazioni, Christof Innerhofer ha male alla schiena e non sta per niente bene, Matteo Marsaglia dice di sentirsi più discesista che supergigantista. E la neve… la neve è tutto tranne quella preferita dagli azzurri. Così si dice Norvegia tra gli addetti ai lavori, d’altronde nell’ultima prova lo hanno dimostrato. Kilde però dopo la prova ha spiegato che bisognerà fare attenzione agli americani. Potrebbe essere questa la grande sfida del superG di oggi o della discesa di domani, con una squadra italiana che non parte tra le favorite. Senza però dimenticare gli svizzeri capitanati da Beat Feuz e gli austriaci. 

E sarà proprio l’Italia a inaugurare la 53a edizione del Saslong Classic con Dominik Paris pettorale 1 nel superG di oggi, seguito subito dopo da Nils Allegre, Beat Feuz, Max Franz e Matthias Mayer. Con il pettorale 18 Emanuele Buzzi, 20 per Christof Innerhofer, 33 Riccardo Tonetti, 40 Guglielmo Bosca, 48 Florian Schieder e 58 Davide Cazzaniga. Dalle 9 alle 10 la ricognizione degli atleti, alle 11,45 la gara che sarà trasmessa su Raisport ed Eurosport. E per Markus Waldner, race director del circuito maschile: « La produzione implementerà alcune innovazioni in Val Gardena – racconta -. Verrà fatto un altro passo avanti con immagini ancora più spettacolari». 

Lo scorso anno la vittoria era andata a Vincent Kriechmayr: «Torno in Val Gardena con piacere – racconta -, qui mi sento molto a mio agio. Voglio migliore ovunque, sia nella tecnica sciistica che nel materiale, così come nella condizione fisica».