Federica Brignone dopo la prima manche @Andrea Chiericato

Aspettiamo a godere. Però, nonostante una Lara Gut ammazza gara e una solida Mikaela Shiffrin, le nostre si sono davvero ben comportate sul Rettenbach di Soelden nel primo atto della Coppa del Mondo 2017. E già, la ticinese ha fatto un tempo  da paura, ma salutiamo l’ottimo terzo tempo di Marta Bassino a 1.84 e il quarto di Federica Brignone a 1.97. Hanno lottato eccome se hanno lottato fra il tracciato decisamente rotondo disegnato dal loro tecnico, Gianluca Rulfi. E se solo la svizzera sembra imprendibile, Marta e Federica sono davvero ad un passo dal podio.

Federica Brignone al termine della prima frazione ©Andrea Chiericato
Federica Brignone al termine della prima frazione ©Andrea Chiericato

ECCO MARTA E FEDE – La prima frazione non è ancora terminata, ma le nostre ragazze lasciano il parterre e si dirigono nel team hospitality per ricaricare le energie per la seconda sfida e fare mente locale su cosa hanno fatto e ancora devono fare. Diverse le facce e le espressioni delle azzurre. Marta Bassino sicuramente più soddisfatta. E’ al settimo cielo. Ci dice: «Sono riuscita a finalizzare l’ottimo allenamento di Senales. Adesso manca ancora un pezzo, ma le sensazioni sono davvero buone». Sono tutti per lei dopo questa prima frazione. Foto, selfie, autografi. Marta è un po’ la sorpresa del giorno. E’ vero, andava come un treno sulla Leo Gurschler in allenamento, ma la gara è sempre tutta un’altra cosa. Poi arriva Federica. Sorridente certo, ma anche contenta di aver portato a casa la pellaccia, al di là del quarto tempo provvisorio: «Ho fatto un errore e diverse sbavature e sono ancora con le prime. Questo è positivo, ho rotto il ghiacciaio. Al momento prendo quello che viene, ma aspetto con fiducia la seconda manche». Appuntamento alle 13 allora. Fateci sognare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.