Neve tutta artificiale in Cina: sarà sempre così nelle Olimpiadi invernali del futuro? 

Prime sensazioni sulle piste olimpiche per gli atleti che già sono arrivati in Cina. La montagna è quella di Xiaohaituo, la regione è quella di Yanqing, un centinaio di chilometri a Nord di Pechino. Una stazione costruita dal nulla nel 2015, conclusa nel 2019 con una decina di chilometri di piste e nove impianti. La quota non è elevatissima, si va da circa 1.200 metri sino a poco più di 2.000 nella zona di partenza delle gare. Una zona dove nevica pochissimo, qualcosa come una decina di centimetri in stagione, dove c’è sempre l’incognita vento, ma almeno le temperature sembrano invernali. Dunque tutto su neve artificiale, immaginiamo anche dopo i Giochi se verrà aperta ai turisti. L’investimento è stato considerevole visto che sono stati sistemati oltre un centinaio di cannoni per l’innevamento capaci di trasformare 330.000 metri cubi d’acqua in 700.000 di neve nell’arco di circa 70 ore. Impianti, tra l’altro di produzione e tecnologia italiana.

E in merito a questi aspetti sulle gare olimpiche, ci sarebbe da considerare uno studio recentemente pubblicato, da Current Issues in Tourism: il titolo è significativo, Climate change and the future of the Olympic Winter Games: athlete and coach perspectives. Sono state raccolte le impressioni di 339 tra atleti e allenatori di oltre venti nazioni per definire le condizioni eque e sicure per le prove degli sport invernali. Il dato più significativo è quello del cambiamento delle condizioni invernali delle 21 località che nel passato hanno ospitato le Olimpiadi. La frequenza di condizioni non idonee e anzi pericolose, è aumentata nel corso degli ultimi 50 anni. La probabilità di tali condizioni aumenterà in futuro. Se non ci sarà un’applicazione concreta dell’Accordo sul Clima di Parigi – si legge – resterebbero solo nove le sedi passate in grado di ospitare di nuovo i Giochi; nel 2080 una sola: Sapporo.
Neve artificiale, condizione ottimale per gli atleti per gareggiare, ma la geografia dei Giochi Olimpici Invernali potrebbe cambiare radicalmente in futuro.

 

Altre news

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...

Asiva in festa a Gressan, 150 premiati. Mosso: «Contenti della stagione, i nostri progetti funzionano»

Sono stati 150 i premiati all'annuale festa dell'Asiva, disputata sabato all'area verde di Gressan, una manciata di chilometri più in là di Aosta. Un pomeriggio di premiazioni, utile anche a tracciare il bilancio della stagione, definita positiva dal presidente...

Ultimi due giorni per sciare sul versante italiano di Breuil-Cervinia. Da lunedì prosegue lo sci estivo in terra elvetica

Apertura da ottobre a inizio giugno. Breuil-Cervinia domani, domenica 9 giugno, chiuderà le piste sul versante italiano, ma non gli impianti di risalita che continueranno a funzionare per il proseguimento della stagione estiva. La pista “6”, servita dalla seggiovia Bontadini,...