Stefan Luitz

Primo gigante della stagione e subito una novità. E si, sua maestà Marcel Hirscher non riesce a recuperare nella seconda manche e deve inchinarsi a Stefan Luitz. Il tedesco infatti, già in testa nella prima sessione fra le porte larghe di Beaver Creek, respinge l’austriaco e trionfa. Sua maestà Marcel è staccato di 14 centesimi. Applausi a scena aperta per lo svizzero Thomas Tumler: con il pettorale 48 chiude sul podio, una prestazione davvero superlativa per una formazione, quella elvetica che è sempre più a trazione italiana, che fra slalom e gigante sta crescendo ogni anno in maniera esponenziale. Tumler chiude a 51 centesimi, sei meglio del norvegese Henrik Kristoffersen che perde una posizione rispetto alla prima manche e di conseguenza il podio in Colorado. 

Guarda la classifica dalla pagina del calendario 

MOELGG RETROCEDE, OTTIMO TONETTI, GLI ALTRI AZZURRI MALE NELLA PRIMA MANCHE –  Lo svizzero Loic Meillard è quinto, invece il nostro Manfred Moelgg, che quinto lo era dopo la prima frazione, retrocede fino alla sedicesima piazza. Poi sesto lo svedese Matts Olsson, settimo il francese Matthieu Faivre e ottavo ecco Riccardo Tonetti. Il finanziere di Bolzano, al via con il 20, guadagna due posizioni dalla prima manche e salva la squadra azzurra da una prestazione incolore. Luca De Aliprandini, al via nel primo gruppo di merito, non si è qualificato. Non hanno partecipato alla seconda manche anche Roberto Nani, Giovanni Borsotti, Giulio Bosca e Alex Hofer.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.