Luitz, a rischio la vittoria di Beaver per inalazioni di ossigeno

E proprio alla vigilia del secondo gigante della stagione in Val d’sere scoppia il caso Luitz. La prima gara a Beaver Creek della stagione fra le porte larghe andata in scena domenica scorsa, è stata vinta dal tedesco Stefan Luitz.

RICORSO – Ma cosa è successo? Fra la prima e la seconda frazione, sono stati avvistati Luitz ed altri compagni della compagine tedesca inalarsi ossigeno. Si può? E’ permesso? Siamo in linea con le norme antidoping? Se si legge il regolamento FIS la risposta è no, ma per l’agenzia antidoping mondiale Wada (World Anti-Doping Agency) si potrebbe. La FIS intanto ha omologato il risultato del gigante americano, ma si aspetta la decisione della Wada in merito al ricorso pervenuto da altri team. Aspettiamo aggiornamenti ufficiali in merito. 

Altre news

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo. Condizioni variabili al Faloria: subito un po’ di nebbia, anche qualche fiocco di neve, poi finalmente il sole per i partecipanti alla terza edizione dell’iniziativa di Race Ski Magazine che...

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...

A Les 2 Alpes il primo Summer Ski Camp con Lara Colturi

Lara Colturi e il suo primo Summer Ski Camp, una opportunità di allenamento per i giovani sciatori. Il camp è rivolto a ragazze e ragazzi dai tredici ai sedici anni (anno di nascita dal 2008 al 2011), e proposto in...

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...