LIVE – Sfreccia Ganong in prova. Innerhofer quarto: «Il punto chiave della Saslong? Le curve Jagerhaus»

Il sole bace le Dolomiti e il cielo è blu sfavillante, anche se oggi è una tipica giornata d’inverno a Selva Val Gardena, o come la chiamano i ladini Gherdëina. Temperatura alla partenza della prima prova cronometrata -10°, neve nel primo terzo di pista -15° e fino a Ruacia, dove è situato l’arrivo -20°. E allora via con la prima prova in vista della discesa di sabato (domani altra prova e venerdì il superG del 51° Saslong Classic). Ed è stato lo statunitense Travis Ganong il più veloce. L’americano ha inflitto distacchi importanti, anche se sempre di prova si tratta. A 68 centesimi c’è l’austriaco Max Franz, mentre ancora Stati Uniti al terzo posto con Bryce Bennett. A 73 centesimi il nostro Christof Innerhofer, che conferma un buon momento di forma.

Christof Innenhofes nel parterre ©Pez

INNER E LA SASLONG – Eccolo a fine gara l’altoatesino di Gais: «La Saslong mi piace sempre di più e la sua particolarità sta nel fatto che non ci sono tratti dove puoi vincere la gara, ma la difficoltà è tutta nell’insieme perché ti obbliga sempre a fare velocità. Al massimo ci sono punti dove puoi perderla la gara…Le Gobbe del Cammello sono passaggi spettacolari, ma per quanto mi riguarda la parte più insidiosa è rappresentata dalle curve prima dei prati del Ciaslat. Sono curve con il terreno ondulato, non puoi permetterti di sbagliare linea. Sono contento della mia prova, anche perché nel finale sono stato abbastanza cauto e non ho attaccato a tutta». Al quinto ancora un atleta della banda a stelle e strisce: ecco a 78 Thomas Biesemeier. Sesto l’austriaco Hannes Reichelt. A chiudere  la top ten Jetil Jansrud, Otmar Striedinger con lo stesso tempo di Alexander Aamodt Kilde e  Steven Nyman.

La classifica della prima prova in Gardena 

IN CRESCITA HEEL E MARSAGLIA – Buona prova di Werner Heel e Matteo Marsaglia: chiude diciassettesimo a 1.69 l’altoatesino della Val Passiria al via con il 41 e il ‘romano di san Sicario’, già brillante a Beaver Creek in gara, ventiduesimo con il 60. Trentottesimo Mattia Casse, cinquantaquattresimo Dominik Paris, sessantaduesimo Emanuele Buzzi davanti a Federico Simoni. Davide Cazzaniga, convocato all’ultimo momento per il forfait di Peter Fill, non ha preso il via per una variazione del calendario di Coppa Europa a St.Moritz, come anche Alexander Prast e Florian Schieder. Tutti e tre saranno al via domani nella seconda prova che servirà da selezione. Il contingente della discesa conta sette posti più Heel che gareggia di diritto grazie alla Coppa Europa.

Raimund Plancker e Federico Simoni a fine gara ©Pez

Altre news

Goggia di nuovo sugli sci: «È stata durissima e non sarà facile»

Dopo quattro mesi di sofferenza, duro lavoro e fisioterapia, Sofia Goggia ha rimesso gli sci ai piedi. «È stata durissima e non sarà facile» scrive la bergamasca, che sta lottando contro l'ennesimo infortunio della carriera. Sci da slalom ai...

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...