©FISI/Pentaphoto

Domani partirà anche la stagione del settore maschile, se le condizioni meteo lo permetteranno. Gli azzurri arrivano da una buona preparazione generale e dalla rifinitura svolta a Saas-Fee, dove le condizioni erano tutto sommato buone. Ecco le parole dei tre veterani azzurri alla vigilia del primo appuntamento. 

Manfred Moelgg: «Mi fa un po’ strano cominciare la stagione senza mia sorella Manu, ma lei mi è sempre vicina e mi dà consigli importanti. Purtroppo mi sono fatto male all’adduttore nel penultimo giorno di allenamento a Ushuaia e una volta tornato in Europa ho avuto una ricaduta, per cui mi manca qualche giorno di allenamento, ma sto recuperando e punto a fare un buon piazzamento».

Luca De Aliprandini: «Ogni tanto penso ancora alla gara olimpica (cadde nella seconda manche quando era in lotta per il podio, ndr), però devo trasformare quella delusione in carica positiva. Il livello è alto, non si può sbagliare e vediamo cosa verrà fuori».

Riccardo Tonetti: «Siamo un po’ alla stagione della verità. Quest’estate nella squadra sono cambiate tante cose, si respira un bel clima, però ciò che conta è il responso sul campo. La recente paternità mi ha dato ulteriore carica».

Roberto Nani: «Sölden è una pista che mi piace, qui sfiorai il podio qualche anno fa e poi non sono più riuscito a ripetermi, credo di essere sulla strada del recupero e cerco conferme».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.