Lillehammer 2016, oggi Cerimonia d’Apertura con Bjoergen. Azzurri arrivati in Norvegia

Lillehammer si veste a festa per celebrare l’inizio dei secondi Giochi Olimpici Giovanili Invernali. Questa sera, alle 19, una suggestiva cerimonia – alla Lysgardsbakken Ski Jumping Arena – celebrerà infatti ufficialmente l’apertura degli YOG, che si disputeranno nella città norvegese fino al 21 febbraio. Dieci giorni di gare, oltre mille atleti (dai 15 ai 18 anni) in gara, in rappresentanza di 70 Paesi, pronti a sfidarsi in 70 eventi in 9 venues. Lo spettacolo che aprirà l’evento, ospitato nel 2012 da Innsbruck, sarà onorato da una tedofora d’eccezione: l’olimpionica dello sci di fondo, Marit Bjørgen, porterà la torcia insieme a 19 giovani e la passerà a Sua Altezza Reale, la Principessa Ingrid Alexandra di Norvegia, che accenderà la fiamma olimpica. La principessa ripeterà il rito di 22 anni fa, quando fu suo padre, Sua Altezza Reale, Haakon Magnus, a sancire l’inizio della XVII edizione dei Giochi Olimpici Invernali di Lillehammer 1994. Alla cerimonia di apertura parteciperà anche il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, in visita oggi alla squadra italiana presso il Villaggio Olimpico, insieme al Vice Segretario Generale e Responsabile della Preparazione Olimpica, Carlo Mornati.

OBIETTIVO MEDAGLIE E DIVERTIMENTO – La missione tricolore, guidata da Anna Riccardi – dirigente della Preparazione Olimpica del CONI – sarà rappresentata da 37 atleti (20 uomini e 17 donne) impegnati in 13 discipline, con lo slittinista Felix Schwarz (classe 1998) portabandiera della delegazione. Schwarz è reduce dalla vittoria della Coppa del Mondo giovanile nel doppio, in coppia con l’altro azzurro Lukas Gufler. Edoardo Caputo, del pattinaggio di figura, è il “veterano” del gruppo (11 agosto 1997), mentre la collega Lucrezia Gennaro è la più giovane (25 luglio 2001). L’ex slittinista Sandra Gasparini sarà invece la Young Ambassador. La sfida mista Italia-Giappone di curling, prevista per domani al “Curling Hall”, aprirà ufficialmente i Giochi “azzurri” a livello agonistico. L’Italia chiuse la prima edizione, disputata a Innsbruck, al 13esimo posto con cinque medaglie: 2 ori, nel Bob con Baumgartner-Grande, e nello slittino doppio con Gruber-Kainzwaldner, 2 argenti, quello della squadra di Curling (Mosaner, Losano, Pimpini e Zoppi), quello di Hannes Zingerle nel gigante maschile, e il bronzo di Nicole Martinelli nello short track (500 metri). Gli azzurri dello sci alpino sono partiti ieri, giovedì 11 febbraio, alla volta della Norvegia, da Milano-Malpensa e, dopo un viaggio lunghi e tanti controlli, sono arrivati a destinazione solo alle ore 21.

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...