'Gio' moderatamente soddisfatto dopo i giganti di Coppa Europa

Giovanni Borsotti domani e sabato sarà al via alla rassegna fra le ‘porte strette’ di Coppa Europa a Levi. Intanto, il ‘talentino di Bardonecchia’ traccia il bilancio dopo i due giganti che hanno rappresentato il primo atto del circuito continentale.

IN CRESCITA – Eccolo ‘Gio’, diciottesimo a Soelden: «Sedicesimo ieri e settimo oggi. Sono moderatamente soddisfatto, non tanto per i risultati ma perchè sto crescendo giorno dopo giorno. A Soelden e qua in Lapponia, la strada è quella giusta, le sensazioni positive. Per me è sempre difficile trovare il feeling giusto con queste condizioni. Infatti fa molto freddo, la neve è aggressiva e facile, sembra di essere in Colorado e non certo sulle Alpi. Inoltre, eccezion fatta per il muro dello slalom, la pista è proprio facile e piatta e ci si mette spesso in posizione».

GLI SLALOM E POI BEAVER – Ancora Borsotti: «Ho sbagliato ieri e oggi prima del piano finale, quindi due errori grossolani, ma a tratti sono molto veloce e il training a Levi e le gare sono state un ottimo allenamento per il prossimo gigante di Coppa del Mondo a Beaver Creek. Non so ancora se partirò ‘nei trenta’. Intanto ci sono questi due slalom di Coppa Europa a cui tengo molto».