L’esordiente Runggaldier: «Grande emozione iniziare in Italia. Il mio riferimento? Bode Miller»

Teresa Runggaldier è una delle ultime atlete a uscire dalla ricognizione della prima discesa libera della Val di Fassa. È vestita con la divisa delle Fiamme Gialle, gruppo sportivo che rappresenta, e appena fuori dalla zona del traguardo incontra un “collega” che di Coppa del Mondo ne ha fatta tanta. Non di discesa, ma di slalom. È Cristian Deville, presente per aiutare il comitato organizzatore. Parlano per un po’, poi la finanziera mostra le sue emozioni: oggi per lei è il giorno del grande debutto in Coppa del Mondo. 

È figlia d’arte, figlia di Peter, ex velocista azzurro che ha vinto una medaglia iridata e una Coppa del Mondo di superG. Ride quando le diciamo che c’è un’altra Runggaldier in Coppa: «Papà non sarà qui, da ieri non l’ho sentito – racconta -. Sono emozionantissima perché l’esordio è sempre l’esordio. È bello vedere le atlete big vicino a te, è una sensazione bellissima». 

Teresa Runggaldier è stata in parte ripescata: era in qualifica ieri (giovedì), senza però riuscire a trovare un tempo migliore di Federica Sosio ed Elena Dolmen. Dolmen ha dovuto dire addio all’esordio per l’infortunio alla mano e così è arrivata la chiamata per Runggaldier. «Sono felice di poter gareggiare in Coppa del Mondo, soprattutto qui in Italia – aggiunge -. Non me l’aspettavo anche perché questa stagione non sta andando come vorrei». 

E quando chiediamo a Teresa qual è stato il suo riferimento, senza pensarci troppo dice: «Bode Miller, perché era una persona che non pensava tanto e faceva quello che sapeva fare». Alle 11.45 la prima discesa della Val di Fassa, l’altoatesina Runggaldier indosserà il pettorale 45. 

Altre news

Goggia senza limiti: «Volevo la doppietta, ci sono riuscita»

Non bastava vincere. Sofia Goggia vuole la perfezione. Lo aveva promesso ed eccola oggi ancora in trionfo sulla Men's Olymouc - East Summit di Lake Louise. «Si può fare meglio», diceva ieri. Eccola, aveva ragione. Domina ancora in Canada...

Missile Goggia colpisce sempre: doppio trionfo a Lake Louise

Che andare. Diciannove vittorie in Coppa del Mondo (14 in discesa) e oggi doppietta stagionale sulla Men's Olympic /East Summit di Lake Louise (5 vittorie sul pendio canadese). Sofia Goggia fa paura. Non viene fermata dal vento che soffia...

E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l'uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie...

Gardena, semaforo verde per la 55a Coppa del Mondo

La Coppa del mondo di sci sulla Saslong si aprirà, come da tradizione, venerdì 16 dicembre con il superG. Sabato 17 dicembre, invece, si svolgerà la classica discesa, che sarà la 100a gara di Coppa del mondo in Val...