La prima volta di Kriechmayr: battuto Jansrud. Azzurri attardati, Paris decimo

Quarto podio ma soprattutto ecco la prima vittoria per Vincent Kriechmayr: l’austriaco classe 1991, doma la Birds of Prey/Golden Eagle e trionfa nel superG. A Beaver Creek davvero una prova superlativa per Kriechmayr: solo il norvegese Kjetil Jansrud, già vincitore domenica scorsa a Lake Louise,  lo impensierisce. Tuttavia lo scandinavo rimane attardato di 23 centesimi e sul gradino più alto del podio rimane l’austriaco. A 33 centesimi c’è un altro austriaco: ecco Hannes Reichelt.

Vincent Kriechmayr all’attacco sulla Birds of Prey ©Agence Zoom

Poi arriva la Francia: quarto il francese Adrien Theaux, miglior tempo nella prima prova, con il distacco di 44 centesimi, quindi in quinta piazza Alexis Pinturault a 55. A pari merito al sesto posto ci sono il fuoriclasse norvegese Aksel Lund Svindal e il terzo austriaco in classifica ovvero Matthias Mayer, best time ieri nella seconda e ultima prova in vista della libera di domani.

Hannes Reichelt in azione ©Agence Zoom
Kjetil Jansrud ©Agence Zoom

AZZURRI INDIETRO – Male gli italiani dice la classifica. Sottotono, rigidi, legnosi. Dominik Paris chiude decimo a 83 centesimi ed è il migliore. Non può bastare. E’ vero, il distacco non è ingente: mezzo secondo dal podio per il tre volte vincitore di Kitzbuehel, ma un’altra prestazione non sfavillante. Tredicesimo a 99 centesimi Christof Innerhofer, a dimostrazione che la gara è stata davvero tirata e il livello è sicuramente alto. Sempre più alto. Ci aspettavamo di più da Inner, visto la pista così tecnica del Colorado e soprattutto in virtù del sesto posto del primo superG. E Peter Fill: termina a 1.34, sedicesimo. Subito un errore in partenza, poi sempre in balia, a rincorrere la linea. Pietro si contraddistingue per la sua sciata fluida, invece oggi niente nulla di tutto cio. Diceva di tribulare sulle parti più ripide in questi giorni così è stato, ma complice c’è anche il mal di schiena. Un applauso a Luca De Aliprandini, che parte con il 69 e chiude venticinquesimo a dimostrazione che da dietro si poteva far bene. Dopo il gigante deve puntare a tutta su questa specialità, dove oggi porta a casa il secondo miglior risultato in carriera.

 

Luca De Aliprandini

GUARDA LA CLASSIFICA

Matteo Marsaglia parte forte, almeno al primo intermedio. Alla fine è trentaseiesimo. Guglielmo Bosca trentasettesimo a 2.41 ed Emanuele Buzzi a 2.87 è  cinquantesimo. Troppo poco, aspettiamo la discesa di domani, dove nella stagione 2012-2013 vinse Innerhofer.

Altre news

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar da ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Telenovela finita. Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha...

La Svizzera ha scelto le condizioni di La Thuile per gli ultimi allenamenti

La Thuile si rivela anche sul finale di stagione una meta privilegiata per i top dello sci mondiale. In quest’ultima settimana di apertura, appena chiuso il Criterium Cuccioli con 600 giovani atleti da tutta Italia, ecco che il comprensorio...