La prima manche a Landgraaf

In testa lo svedese Hans Olsson

Si è conclusa la prima manche a Landgraaf. In testa lo svedese Hans Olsson, davvero implacabile quando è necessario ‘mollare’ sul ghiaccio indoor. Lo scandinavo precede per il momento l’austriaco Patrick Bechter, terza piazza con lo stesso tempo per il francese Pierre Paquin ed il tedesco Stefan Kogler. Una sorpresa al quinto posto: l’inglese Andrew Noble, partito con il pettorale 84. In casa azzurra settimo Christof Innerhofer, ex-aequo con il giapponese Kentaro Minagawa: «Non sono ancora del tutto soddisfatto. Devo migliorami nella seconda, cambiar marcia. Punto al podio». Nono intanto il norvegese Kjetil Jansrud, vincitore ad Amneville. Bene Matteo Marsaglia, che si piazza dodicesimo: «Come ad Amneville, anche qui mi viene tutto facile. Cerco di far sempre velocità, e al momento sono soddisfatto della mia prova. Non mi sono allenato tanto in slalom, ma qui nell’indoor sembra una specialità diversa. Che tuttavia mi piace parecchio». Anche Andy Plank continua a convincere: il giovane slalomista di Vipiteno stacca un confortante ventinovesimo posto. Fuori dai primi trenta, ma protagonisti di una manche discreta e con possibilità di recuperare Peter Fill, quarantasettesimo e Hagen Patscheider, quarantanovesimo. Quindi Stefano Gross cinquantunesimo, davanti a Matthias Thaler e Paolo Pangrazzi. Per il responsabile Raimund Plancker, «Inner bravo, come anche Matteo. Ma sono i giovani che mi hanno ben impressionato. Ora sotto con la seconda, non bisogna sbagliare nulla per recuperare. Mezzo secondo è tantissimo in una gara del genere».

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...