Kristoffersen&Braathen: super Norvegia sul Podkoren. Odermatt 2° ex aequo vince la Coppa di gigante. 6° De Aliprandini

Norvegia da paura a Kranjska Gora: nel primo dei due giganti in programma sulle nevi slovene, Henrik Kristoffersen recupera e vince il secondo gigante della stagione dopo l’Alta Badia. E al secondi posto c’è il brillante Lucas Braathen. Il vichingo del 2000 dal sangue brasiliano si conferma secondo anche dopo la prima sessione. Squadre completamente diverse: il primo nel team privato dove c’è il nostro Marco Zambelli nel ruolo di skiman, il secondo nella formazione nazionale tradizionale. Una cosa in comune tuttavia: la carta d’identità della Norvegia, stessa classe, stessa determinazione, stessa testa di atleti votati all’attacco e alla fantasia.

KKristoffersen e Braathen ©Agence Zoom

Recupera certo Marco Odermatt: lo svizzero comunque chiude secondo con lo stesso tempo di Braathen, ma non riesce nell’impresa di salire sul gradino più alto del podio. Odermatt battibile fra le porte larghe è la notizia insomma? Si, oggi e in qualche rara occasione. E’ lui, attenzione, ricordiamo essere il più forte della specialità: con due gare di anticipo l’elvetico conquista la Coppa del Mondo di disciplina.

Il vincitore della CdM di GS Odermatt ©Agence Zoom

Chi guidava nella prima sessione ma addirittura arretra non poco è Alexis Pinturault: il francese continua nel suo momento no e termina 11°. Quarto posto per lo svizzero Loic Mellard e quinto per l’austriaco Stefan Brennsteiner. Buon sesto Luca De Aliprandini: chiaro, manca il podio ovvero la sua missione stagionale dopo quello badiota e l’argento iridato dello scorso anno, ma il trentino quest’inverno è regolarmente davanti. Bravo Finfer, ci sono ancora due giganti di Coppa del Mondo per primeggiare. La Norvegia va forte: c’è anche il vincitore dello slalom di Flachau Atle McGrath in settima piazza. Ottavo lo svizzero Gino Caviezel, nono l’austriaco Manuel Feller e a chiudere la top ten lo sloveno Zan Kranjec.

De Aliprandini ©Pentaphoto

GUARDA LA CLASSIFICA DEL GIGANTE DI KRANJSKA GORA

Filippo Della Vite, vice campione del Mondo Juniores, 21° con il 50: che bravo il giovanotto orobico. Hannes Zingerle 23° con il 44, davanti a Giovanni Borsotti. Giovanni Franzoni, Simon Maurberger e Riccardo Tonetti non si sono qualificati per la seconda manche. Alex Hofer è deragliato dal Podkoren nella prima sessione. Domani altro gigante in Slovenia.

Della Vite ©Pentaphoto

 

Altre news

L’impegno di Sima continua

Enzo Sima è pronto per restare in consiglio federale. Il friulano ha scelto di sostenere Alessandro Falez come presidente e subito spiega le sue ragioni: «Innanzitutto il mio impegno per la Fisi continua, ho a cuore questo mondo. Abbiano...

Da Soelden a Soldeu, tante occasioni per staccare un biglietto e assistere alla Coppa

La prima neve è arrivata, i ghiacciai stanno riaprendo, le squadre stanno ultimando le lunghe trasferte oltreoceano e si apprestano ormai - chi prima e chi dopo - a rientrare e a fare ritorno sulle nevi europee. Ormai si...

Dallocchio, i quattro punti per la Fisi del professore della Bocconi

Professore universitario alla Bocconi, Maurizio Dallocchio si candida come consigliere nella prossima assemblea elettiva. «Sono un cittadino, la mia casa è Milano, ma amo da sempre la montagna e un giorno vorrei andare a vivere lì. E ovviamente sono...

Persio Pennesi, la sicurezza al centro del programma

Francesco Persio Pennesi è un volto conosciuto nel mondo dello sci. Avvocato - e maestro di sci con esperienze in Italia ed all’estero tra Bariloche, Valle Nevado, Aspen e St. Moritz -, ha concentrato le sue conoscenze lavorative sulla...