Abbiamo incontrato Siegmar a Verano: "Voglio partire subito forte"

Non solo ‘grandi nomi’. L’Italia dello sci alpino cresce anche ‘sotto’. Nel gruppo delle discipline veloci ci sono ragazzi che stanno dimostrando carattere, determinazione, grinta, e che soprattutto si stanno mettendo in evidenza a suon di risultati. In prima linea Dominik Paris, che l’anno scorso ha già centrato a Chamonix il primo podio in carriera in Coppa del Mondo. Poi altri due altoatesini si stanndo distinguendo, ossia Hagen Patscheider e Siegmar Klotz, formalmente in squadra B ma in pratica sempre con il gruppo Coppa del Mondo. Quest’ultimo è stato protagonista sulla Streif di Kitzbuehel di una caduta incredibile. "Già, che cartella. Il polso sinistro fratturato, poi diverse botte, la contusione maggiore alla schiena. Solo un mese fa posso dire di aver smaltito completamente quella caduta". ‘Sighi’ stava andando forte prima dell’incidente sulle nevi tirolesi: "Mi sono affacciato più di una volta nei ‘top trenta’ in Coppa, centrando in piena regola i miei obiettivi. Adesso sto lavorando sodo, vuoi atleticamente vuoi sugli sci, per tornare a raccogliere punti nelle prime discese di Coppa del Mondo. Il mio obiettivo per la prossima stagione? La Coppa del Mondo, devo dimostre dalle prime discese di meritarmi questo posto. L’inizio stagione sarà importantissimo".