Khoroshilov conduce a Santa Caterina. Indietro gli italiani: Gross 17°

Si aspettava il ritorno del russo ed è arrivato. Alexander Khoroshilov comanda dopo la prima manche dello slalom di Santa Caterina Valfurva, località che dopo la discesa libera di fine anno ha recuperato le due gare annullate a Zagabria per mancanza di neve. Il russo è sembrato quello più lanciato, quello che ha fatto meno calcoli e che ha attaccato a tutta il pendio barrata della Deborah Compagnoni. Lo slalomista del 1984 ha concluso le oltre 70 porte disposte dall’allenatore degli Stati Uniti in 58.33. Khoroshilov non ha comunque fatto il vuoto, almeno nei confronti dei diretti inseguitori, mentre ha subito spiazzato Gross, sceso un numero prima e staccato di oltre 1 secondo. Diretti inseguitori, sempre i soliti, sempre loro. Al secondo e terzo posto ci sono il norvegese Henrik Kristoffersen e l’austriaco Marcel Hirscher. Sono lì, attaccati, pronti a cogliere l’ennesima occasione. Hanno 7 e 10 centesimi di ritardo dal russo. Quarta posizione per Alexis Pinturault, a 46/100, quinto lo svizzero Daniel Yule, a 61/100, atleta allenato dal tecnico valdostano Matteo Joris, tracciatore della seconda manche.

L’ITALIA INSEGUE – Sulla Deborah Compagnoni conta l’atteggiamento, la differenza tra chi attacca e chi no. L’Italia anche oggi insegue. Il fassano Stefano Gross, partito con il pettorale 1, è diciassettesimo a 1.36. E’ lui il migliore degli azzurri. Peccato per Giuliano Razzoli, ha sbagliato nel tratto pianeggiante ed è praticamente ripartito. Inevitabile un altro ritardo. Il reggiano, supportato dal suo fedele fans club, è ventiduesimo a 1.64. Buona prova di Riccardo Tonetti. Il bolzanino è partito con il 31 e si è inserito in ventiquattresima posizione, a 1.74. Trentesimo Patrick Thaler, staccato di 2.04. Non qualificati Roberto Nani (31°), fuori Tommaso Sala e Andrea Ballerin.

CASO MOELGGManfred Moelgg è caduto subito dopo la partenza. Sembrava fosse una caduta banale e invece il marebbano potrebbe essersi infortunato. Le notizie sono ancora frammentarie. Dalla zona mista si escludono problemi al ginocchio, qualcuno parla di un trauma alla cresta iliaca. In questo momento si trova nell’albergo della squadra insieme al dottor Andrea Panzeri per una prima diagnosi.

CLASSIFICA UFFICIALE

GALLERY PHOTO

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...