Matteo Joris è in mezzo ai tifosi, ha portato a casa un successo pesantissimo. Mi sa che lo faranno sindaco di Adelboden. «Sì, felicissimo, ma è stata dura – spiega il coach valdostano – anche perché il livello è altissimo. L’imperativo in partenza della seconda manche era quello che uno dei quattro doveva vincere. Ce l’ha fatta Daniel sciando alla grande, soprattutto dove aveva tirato di meno, vale a dire le ultime porte. Gli avevo detto di forzare proprio lì, e proprio lì ha vinto la gara».
Yule raggiante che entra in sala stampa con il campanone del successo. Primo a metà gara a Campiglio, stesso copione ad Adelboden. E soprattutto stessa serenità. «È incredibile vincere qui, non potete immagine l’emozione per l’urlo della folla. Ero comunque tranquillo tra un manche e l’altra, ho parlato con i compagni di squadra, ho cercato la mia routine. E poi adoro questo tipo di neve. La Coppa del Mondo di specialità? Un passo alla volta, adesso mi godo il momento».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.