Inner: 'Se rimane dura, a Beaver me la gioco'

Christof Innerhofer non ha più voglia di rimanere nelle retrovie. Il finanziere di Gais è reduce da un week-end a Lake Louise dove è stato veramente lontano dai primi. Colpa della pista, della neve e della sua schiena che lo fa sempre dannare.

INNER E LA NEVE DEL COLORADO  – E adesso? Eccolo Christof: «Va un po’ meglio, posso fare bene ma dipenderà anche dalla neve. Mi manca un po’ di allenamento, quindi al momento riesco ad andare forte solo nei tratti che sempre mi sono congeniali, vedi le parti tecniche. Per fortuna la differenza a Beaver si fa anche nella parte del muro, quaranta secondi dove si può guadagnare tanta velocità. Ma credo che importante sarà vedere la neve…Se sarà dura come la prima prova, posso finire anche a ridosso del podio, altrimenti se farà caldo come alla vigilia, la sera c’ era un grado, non andrò tanto lontano».