Roberto Lorenzi ©Pez

Domenica 18 ottobre il ghiacciaio del Rettenbach ospiterà come di consueto il primo atto di Coppa del Mondo: sulle nevi perenni austriache di Sölden ecco il gigante dove gli azzurri cercheranno di mettersi in mostra e finalmente avviare una stagione per essere protagonisti anche fra le porte larghe.

COMPAGINE – Ma vediamo da chi potrebbe essere composto il contingente per il gigante tirolese. I posti per l’Italia oggi sono sette, a cui si aggiunge uno fuori dagli 80 al mondo della specialità e quello di Nani conquistato la passata stagione in Coppa Europa chiudendo sul podio di specialità. Quindi nove in totale. Con Roberto Nani ci saranno Luca De Aliprandini, Giovanni Borsotti, Hannes Zingerle e Daniele Sorio. Fermo per l’infortunio Riccardo Tonetti, che comunque sta lottando contro il tempo per presentarsi al cancellato di partenza. Ci sarebbero poi Manfred Moelgg e Simon Maurberger, reduci tuttavia da infortuni. Il primo sta sicuramente meglio ma non ha ancora comunicato ufficialmente di essere al via, per il secondo decisamente Sölden è molto difficile . Così con molta probabilità al posto di Maubi sarà convocato Stefano Baruffaldi, fresco di tesseramento con il Drusciè Cortina (che ricordiamo essere nei top 80 del gigante mondiale). Fra quelli fuori dagli 80 dovrebbe essere della partita Tommaso Sala. Il regolamento prevede, come appunto accennato, un solo extra 80: così se ci saranno delle assenze forzate per infortunio, il continente non potrà essere riempito. Intanto la compagine di Roberto Lorenzi guarda al prossimo stage sulla neve. Il dt trentino ci fa sapere: «Da domenica sei giorni a Saas Fee. Siamo ad un mese dall’opening, la preparazione sciistica entra davvero nel vivo. La squadra presenta qualche infortunato, così è ancora presto per parlare ufficialmente di una formazione per la prima gara della stagione. Tuttavia voglio sottolineare che l’avvicinamento a Sölden procede nel migliore dei modi, spesso abbiamo trovato ottime condizioni sui ghiacciai».