In testa Janka, Blardone è quarto a due decimi

Indietro tutti gli altri azzurri, fuori dai giochi per le medaglie

Fino ad ora Carlo Janka era passato sui Giochi Olimpici senza lasciare traccia. L’ha fatto in questa prima manche del gigante, dove ha incontrato una pista perfettamente adatta alle sue caratteristiche, su neve dura, ma dal ‘grano’ grosso, non liscia e barrata. Due centesimi più veloce di Romed Baumann, un altro che su questo genere di pendii si esalta: non a caso l’anno scorso ha vinto il gigante sulla banchetta di Sestriere, piuttosto simile alla Murray di Whistler. E c’è anche Svindal, in terza posizione a sedici centesimi di ritardo. Al quarto posto? Un italiano, naturalmente, come ormai tendenza di questi Giochi. Però Max Blardone ha solo due decimi di ritardo dalla medaglia d’oro e una manche per scatenare rabbia e potenza sulla pista. Oltretutto sul tracciato dell’allenatore azzurro Matteo Guadagnini. Alle sue spalle sono ancora in corsa Hirscher, Raich, Richard e Ligety. Al lumicino, se non nulle, le speranze degli altri azzurri: Simoncelli è diciassettesimo a 1.25, ancora più indietro Ploner e Moelgg. Per entrambi la giornata più nera della stagione, nel giorno meno indicato.

Altre news

Arriva Race ski magazine 169 di dicembre

È arrivata la neve, le località aprono e l’inverno entra nel vivo. Ormai ci sarà una gara dietro l’altra fino al termine della stagione, dalla Coppa del Mondo alla Coppa Europa, passando per moltissimi eventi giovanili e i Campionati...

Il Collegio di Garanzia del Coni legittima definitivamente Roda presidente Fisi

Il Collegio di Garanzia del Coni si è nuovamente espresso in materia di eleggibilità del presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Flavio Roda. In precedenza c’erano stati passaggi degli organi giudiziari Fisi e successivamente da parte proprio del Collegio...

Agazzi: «Goggia scia più sui piedi e così è maggiormente scorrevole»

Che esordio per Luca Agazzi. Pronti via una doppietta straordinaria con la sua Sofia Goggia E si, perchè da quest'anno il trio delle meraviglie (Goggia - Brignone - Bassino) può avvalersi di un tecnico di fiducia personale con la coordinazione...

Zenere: «Sono stati anni duri, ora avanti su questa strada»

Dopo la vittoria del gigante di Coppa Europa di Zinal, Asja Zenere finalmente esulta e ci dice: «Sono davvero felice. Mi sono passate tante cose in menta dopo che ho capito di aver vinto la gara. Del resto sono...