Nel parterre di Santa Cristina i tifosi ci sono, un po’ particolari ma ci sono. In una stagione caratterizzata da gare a porte chiuse, sul parterre delle piste della Val Gardena sono state posate 25 sculture in legno realizzate dal gruppo Unika, una piattaforma gardenese per la scultura, la pittura e la fotografia. In realtà le sculture a grandezza naturale realizzate sono state 50, la metà hanno trovato spazio sulle tribune. In Val Gardena l’origine dell’attività scultorea risale a circa 400 anni fa, un passatempo iniziato nel 1600, diventato occupazione principale per molti abitanti della valle.