La fotogallery del trionfo di Paris nel superG di Kitz

Immenso. Non c’è tanto da dire di Dominik Paris. Immenso vuol dire tanto, significa quasi tutto. E va bene che aspettiamo la discesa di domani, già vinta due anni fa, ma ‘Parigi’ oggi non solo ha vinto ed è stato il primo italiano ad aver dominato in superG a Kitbuehel, ma ha dato dimostrazione che il futuro è tutto suo. Venticinque anni appena, tanti inverni ancora davanti per aumentare i propri successi.

CAMPIONE COMPLETO – Potente e possente, tecnicamente davvero valido, scorrevole. Poi cattivo, determinato, capace di far tattica, capace di saper rischiare quando e dove serve, e intelligente a dosare quando è necesario. Immenso anche perchè così completo. Le ha passate tutte Domme. Ha superato la balorda stagione scorsa a causa dell’infortunio capitato in Gardena, ha superato la perdita del fratello Renè, macigno psicologico non da poco. Anzi. Ha iniziato la stagione con due podi in superG, non era mai salito sul podio in questa disciplina, e oggi sulla Streifalm ha ‘assaggiato’ quello più alto. Una vittoria che lo consacra definitivamente fra i big della velocità italiana.

LE DICHIARAZIONI DOPO AVER DOMATO LA STREIFALM – Eccolo Domme, dopo il trionfo: «Dopo le prove mi mancava ancora qualcosa. Tuttavia sapevo bene che il superG era un’altra gara, un’occasione importante per poter fare bene e dimenticare la settimana difficile di Wengen dove davvero facevo fatica ad esprimermi. La serenità e la tranquillità con cui ho affrontato la gara è stata, se non determinante, almeno fondamentale. Non credevo di poter vincere, questo successo è fantastico, un altro grande risultato. E’ chiaro che domani c’è la discesa, e sarò ancora più tranquillo e senza pressioni assolutamente dopo quello che ho fatto oggi». Che tipo questo Paris…Parla già da campione navigato, da fuoriclasse, da veterano. Con Parigi ne vedremo sempre delle belle. E si, siamo proprio sicuri.

GUARDA LA FOTOGALLERY SOPRA