"Stagione positiva, con l'oro olimpico centrato l'obiettivo"

Jacques Theolier traccia il bilancio della stagione degli slalomisti dopo lo slalom bavarese: “La stagione è stata sicuramente positiva, in quanto abbiamo centrato il risultato più importante, ossia fare una medaglia alle Olimpiadi. Ci siamo riusciti, ed è arrivato addirittura l’oro con Giuliano Razzoli. Inoltre Giuliano ha vinto anche la prima gara di Coppa del Mondo a Zagabria, poi il podio a Kitz, una stagione superlativa, il massimo. Sento dire che va forte soprattutto sul facile e filante, è vero in quelle condizioni oggi è imbattibile, ma è migliorato anche sul difficile, nelle figure, e Kranjska Gora e Garmisch lo hanno dimostrato. Devo dire che l’80% dell’allenamento è stato basato sul facile per simulare lo slalom di Vancouver, ed è anche per questo che negli appuntamenti classici di gennaio abbiamo fatto fatica. Manfred Moelgg ha avuto un calo di forma dopo Kranjska ed ha perso sicurezza, peccato perché dopo il podio di Zagabria stava andando forte e ad Adelboden, Wengen e negli altri appuntamenti di gennaio ha fatto degli errori e spesso è uscito. Però Manni ha fatto anche manche formidabili, ma è stato molto sfortunato. Chi ha tribolato è stato Patrick Thaler: dopo l’uscita a Zagabria sembrava irriconoscibile, ha perso sicurezza. Cristian Deville? Pian piano sta tornando”.