Il giorno del 'corazziere' Zurbriggen

Vince sulla Saslong la prima discesa e balza in testa alla Coppa generale

Il giorno di Silvan Zurbriggen. Il ‘corazziere’ svizzero vince una tiratissima discesa in Val Gardena. Il polivalente elvetico supera di 6 centesimi l’austriaco Romed Baumann, quindi ad un decimo c’è Didier Cuche, che a lungo stava ‘assaporando’ nel parterre il gusto della vittoria. A 11 centesimi l’austriaco Klaus Kroell, a 35 il vincitore del superG Michael Walchhofer, a cui non riesce la doppietta nella medesima edizione del Saslong Classic. Le prime fasi della gara vedevano in testa il ‘sempre verde’ Patrik Jaerbyn: 41 anni suonati, è ancora fra i primi della classe. Chiude 7° alla fine lo scandinavo, ma in alto è stato un maestro per come ha fatto correre lo sci. Eterno. E gli italiani? Aspetti un podio, ti devi accontentare del 15° posto di Peter Fill. Mai in gara, sempre troppo passivi. Forse l’unico che ha sciato sul Ciaslat ed ha limitato i danni è stato Fill. Per gli altri una debacle. Rigidi sul ripido del Socher, in balia delle onde rugose del Ciaslat, lenti sui piani. Werner Heel chiude 20°, Christof Innerhofer addirittura 22° dopo il miglior tempo della prova di giovedì. Poi in classifica ci sono Dominik Paris 35°, Stefan Thanei, 37° Matteo Marsaglia, 39° e Siegmar Klotz 40° e Mattia Casse 46°. Si perde al 55° posto Patrick Staudacher. Questa volta non ci sono scuse: la pista era dura, teneva, non si segnava. E da dietro si sono infilati: basta guardare il francese Gullielmo Failled 6° con il 49 o il tedesco Stephan Keppler 10° con il 53. Dove ha vinto la gara Zurbriggen? In Gardena i tratti di scorrimento sono sempre fondamentali, ma i punti importanti erano due: la curva a sinistra dopo il muro di Socher che immetteva nel piano e l’ingresso ai tornantoni gibbosi del Ciaslat. Lo svizzero ha fatto la differenza in questi due punti.

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...