Hoffmann fa l’Hirscher a Les Diablerets. Nono Saracco: «Nella seconda ci ho provato» – LIVE

Ha 17 anni, arriva dall’Austria e fa un po’ com’era abituato a fare Marcel Hirscher. Vince, domina, con distacco su tutti. Philip Hoffmann ha impressionato nel gigante di Les Diablerets: primo dopo la manche iniziale, non è sceso per gestire ma per imporsi con netto margine. Oro ai Giochi Olimpici giovanili, con oltre 2″50 di vantaggio sull’argento e sul bronzo. Che sono andati entrambi alla Svizzera, ancora grande protagonista nello sci alpino, grazie a Sandro Zurbruegg e a Luc Roduit, che hanno recuperato cinque posizioni a testa e hanno mandato in delirio i tifosi elvetici. 

Edoardo Saracco ©OIS/IOC

Edoardo Saracco ne recupera invece quattro e conclude al nono posto, a 3″63 dal vincitore. «Una prima manche sottotono – racconta -, non sono riuscito a interpretare bene le linee. Nella seconda ci ho provato e sono abbastanza soddisfatto». Marco Abbruzzese ha concluso al quindicesimo posto, recuperando tre posti e terminando a 4″79. «Una gara non così semplice, il terreno muove sempre» ha spiegato, con ancora un po’ di fiatone. Un gigante comunque esigente, che non sempre si ha la possibilità di provare. 

Marco Abbruzzese OIS/IOC

Domani c’è lo slalom, penultima giornata del programma olimpico dello sci alpino. C’è un settore femminile carico e pronto per salire sul podio, ci sono i colleghi uomini che vogliono fare altrettanto. Gli azzurri cercano il passo decisivo per provare a entrare nella storia. Due manche, prima femminile alle 9,30, poi. seguire prima maschile alle 11; assegnazione medaglie dalle 13,45 e dalle 15. «Testa a domani per dare il massimo nello slalom – dice Edoardo -, ho avuto un buon feeling nella manche della combinata, ma ora ci sono due manche e gli altri vanno forte». Feeling che non ha trovato Marco Abbruzzese che non è stato soddisfatto della combinata. «Non mi sono trovato con lo sci, domani magari farò quattro curve sopra la partenza per provare». Nel gigante è invece uscito il romano Gian Maria Illariuzzi, che viaggiava con un discreto intermedio nella parte alta.

Altre news

Race Future Club, Scolari ai club: «Osserviamo anche gli altri, la scuola italiana non è sempre sinonimo di perfezione»

Si è chiusa a Cortina d'Ampezzo la terza edizione di Race Future Club, l'iniziativa di Race Ski Magazine che premia i migliori Children italiani quest'anno in collaborazione con Fondazione Cortina. Questa volta da 20 atleti il passaggio a 24,...

Race Future Club, Longo ai ragazzi: «Conta vincere, ma siate sempre umili per continuare a crescere»

«Ci tenevamo tanto a ricordare Elena Fanchini e così abbiamo deciso di dedicarle i nostri uffici ed una sala in particolare. Siamo orgogliosi di questo», fa sapere Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina e vice presidente vicario Fisi, mentre...

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo

Prima giornata al Race Future Club a Cortina d’Ampezzo. Condizioni variabili al Faloria: subito un po’ di nebbia, anche qualche fiocco di neve, poi finalmente il sole per i partecipanti alla terza edizione dell’iniziativa di Race Ski Magazine che...

Scatta il 3° Race Future Club in collaborazione con Fisi e Fondazione Cortina

Scatta a Cortina d'Ampezzo il Race Future Club atto numero 3. Stiamo parlando dell'iniziativa di Race Ski Magazine riservata ai migliori 14 Allieve/i e 10 Ragazze/i scaturiti dai risultati di Top 50, Alpe Cimbra, Campionati Italiani di categoria e...