Hirscher sbanca la collina di Sljeme. Gross decimo, Tonetti dodicesimo

Non può bastare il decimo posto  sulle nevi di Zagabria di Stefano Gross (29° dopo la prima manche) e il dodicesimo di Riccardo Tonetti (al via von il 56). Certo, la gara di Tonetti è davvero ottima, ma complessivamente non dobbiamo accontentarci perché l’Italia delle porte strette non sembra da troppo tempo essere sulla strada del podio. L’anno scorso nulla, dopo quattro gare la situazione non sembra eccellente. Certo, adesso mancano le classiche di gennaio fra Svizzera e Austria e quindi non è certo tempi di bilanci. E allora aspettiamo fiduciosi, anche se i nostri avversari sembrano più in palla e in continua lotta per il podio. Dicevamo di Tonetti. Guadagna cinque posizioni nella seconda frazione e dimostra brillantezza. Due volte ottavo in gigante, buono anche fra le porte strette Ricky. Gross recupera e chiude decimo. Lui è il primo a non accontentarsi mai, ma dobbiamo dire che il Sabo nazionale è reduce da un infortunio. Peccato per Manfred Moelgg che deraglia nella seconda manche dopo il tredicesimo posto iniziale. Giuliano Razzoli diciannovesimo: discreto perché partiva con il 43 e si è infilato ancora nella seconda sessione. Comunque sta tornando il Razzo di Minozzo, quinto a CampiglioFabian Bacher non si è qualificato per la seconda manche, mentre era deragliato nella prima frazione il diciannovenne Alex Vinatzer. 

Guarda la classifica dalla pagina del calendario 

E chi vince il quarto slalom della stagione di Coppa del Mondo? Naturalmente sua maestà Marcel Hisrscher: il sette volte vincitore della Coppa del Mondo overall sbanca la collina di Sljeme. Deraglia Marco Schwarz, che aveva chioso in testa la prima manche, così secondo a sei decimi c’è il rimontante francese Alexis Pinturault. Terzo a 62 centesimi l’austriaco Manuel Feller. Poi i distacchi aumentano e quarto a 1.20 c’è il francese Clement Noel. Poi arriva la Norvegia: quinto Henrik Kristoffersen e sesto Sebastian Foss-Solevaag. Il prossimo slalom domenica ad Adelboden, sabato il gigante. 

Altre news

ÖSV conferma la scelta di Hirscher e approva il cambio di nazionalità: «Dispiaciuti, ma riconoscenti»

ÖSV, la federazione austriaca, non ha fatto attendere la sua risposta sul "caso Hirscher" e ha confermato che il campione salisburghese ha espresso il desiderio di tornare a gareggiare, ma per il paese natale della mamma. E, a malincuore,...

Hirscher pronto per un clamoroso ritorno con i Paesi Bassi. In Austria ne sono certi…

Marcel Hirscher di nuovo in gara con i colori dei Paesi Bassi. È la notizia bomba che circola da ieri sera in Austria, «un botto nel circo dello sci» lo ha definito il Krone, giornale molto ben informato sulle...

I norvegesi per la prossima stagione

La federazione norvegese ha ufficializzato le squadre per la prossima stagione: si lavora sempre di più sui giovanissimi con una crescita numerica delle C. Mancano due protagonisti all’appello: Lucas Pinheiro Braathen che, come tutti sanno, difenderà i colori del...

AOC. Platinetti: «Non solo Cecere, bilancio di gruppo esaltante». Barbera: «Aspiranti in gran spolvero»

Stagione conclusa, anche se mancano alcune Fis in Scandinavia a dire la verità, ma è tempo di bilanci. Iniziamo a prendere in considerazione le squadre dei Comitati regionali e partiamo dal Comitato Alpi Occidentali. Per il settore femminile una...