Hirscher doma il Canalone. Disfatta Italia

Campiglio Live – Escono Razzoli e Deville. Quinto Moelgg

Peccato. Tribolano, escono, deragliano. Prima Giuliano Razzoli, poi Cristian Deville. In mezzo Manfred Moelgg, che non esce e lotta.

MOELGG LOTTA – Resiste il ladino di Mareo alle asperità del terreno e alla tracciatura maligna di Ante Kostelic, non cede alla forza centrifuga che ti spezza le gambe su quel ‘budello’ di ghiaccio che è il Canalone Miramonti, ma tuttavia non riesce a concludere la rimonta al podio e si deve accontentare del quinto posto. Una debacle, una resa per gli altri azzurri. Peccato davvero, perchè sciamo bene, siamo competitivi. All’altezza dei migliori insomma, se non forse proprio i migliori come ripetono con insistenza i tecnici. In tre a lottare per la vittoria, per il podio almeno, alla fine ci dobbiamo accontentare di un quinto posto con Moelgg.

DOMINIO HIRSCHER – Vince l’austriaco Marcel Hirscher, in testa dopo la prima frazione. Centrale, solido, fa sempe velocità: non fa mai una piega sul tanto leggendario quanto temuto Canalone. Secondo a 1.67 il tedesco Felix Neureuther, terzo il giapponese Naoki Yuasa a 2.28, protagonista di un recupero sensazionale. Rimonta anche lo svedese Andre Myhrer quarto poi ‘Manni’ quinto a 2.52. Nono Ted Ligety, decimo Ivica Kostelic. Quindicesimo Steven Theolier, il figlio di Jacques, il responsabile azzurro degli slalomgigantisti.

BUONO NANI, RAZZOLI IN NETTA RIPRESA – Ventesimo Roberto Nani, per lui il miglior risultato fra le ‘porte strette’. Lasciamo la Val Rendena da sconfitti certo, ma con la consapevolezza di aver lotatto per vincere. Oggi dobbiamo farci bastare il quinto posto di Moelgg, comunque un ottimo risultato. Poi però una certezza: a sprazzi infatti si è rivisto ‘Razzo’. Chi l’avrebbe detto proprio questa notte?

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...