Saccardi fra Rosi e Truddaiu ©Pez

PFELDERS MOOS IM PASSEIER LIVE – Nebbia e neve. Battaglia, confronto di alto livello con azzurri delle squadre B e C, Senior, eccellenze dei comitati regionali e dei gruppi sportivi militari. Insomma, uno slalom Fis valevole per il Gran Premio Italia Junior e Senior (sponsorizzato da quest’anno dalla Onlus Cancro Primo Aiuto) senza dubbio con tanti spunti. Siamo in Alto Adige per il primo atto GPI, a Pfelders/Plan, nel territorio di Moos im Passeier/Moso in Passiria. E la prima stoccata fra le porte strette del circuito giovanile istituzionale porta la firma addirittura di un Aspirante. Stiamo parlando di Edoardo Saracco da Limone Piemonte, carabiniere in in forza al Comitato AOC, 24° assoluto. Atleta di interesse nazionale, si candida subito protagonista a livello nazionale GPI quando si parla di discipline tecniche.

Guarda il video di Saracco

ALLIOD E MAMMARELLA SUL PODIO GPI GIOVANI – Sul podio del Gran Premio Italia Giovani ci salgono poi Benjamin Alliod dell’Esercito (27°) e il carabiniere abruzzese Goffredo Mammarella (29°). Anche per loro una più che buona partenza nel circuito giovanile.

SACCARDI DA PAURA – Lo slalom Fis invece ha visto una vittoria davvero superlativa di Tommaso Saccardi: il parmense della SuperC si è lasciato dietro atleti che già si danno battaglia con risultati significativi in Coppa Europa. E bravo il giovanotto emiliano, solido, uno di quelli che è capace a spinger e fare velocità. Una vittoria netta quella dell’ex portacolori del Comitato Appenino Emiliano, in testa dopo la prima sessione. Sul podio a 24 centesimi ecco il croato Samuel Kodega. Ma la SuperC oggi va davvero a tutta: ecco sul podio il bergamasco Matteo Bendotti che termina a 35 centesimi della testa della classifica dopo un recupero sostanziale nella seconda frazione.

CLASSIFICA SLALOM MASCHILE PFELDERS

Dietro agli azzurrini ecco al quarto posto Hans Vaccari e Francesco Gori, atleti di interesse nazionale aggregati al gruppo Coppa Europa. Sesto l’inglese Billy Major, settimo l’austriaco Christoph Meissl, poi a seguire gli svedesi Gustav Lundbaeck e Tobias Hedstroem. Il tedesco David Ketterer a chiudere la top e a dimostrazione di un confronto in Val Passeria davvero di livello. Undicesimo un altro azzurrino della formazione giovanile: ecco il romano Riccardo Allegrini che sembra essersi messo alle spalle i due infortuni che hanno frenato la sua crescita.

Ivan Imberti della C fra Manuel Ploner e Matteo Bendotti

BALLERIN FIRMA IL GPI SENIOR – Poi nella top 15 un altro italiano, è il poliziotto Andrea Ballerin: il trentino si aggiudica il Gran Premio Italia Senior, davanti al finanziere Alex Zingerle 16° assoluto e a Damian Heel dell’Esercito 31°. La classifica GPI Giovani vede poi quarto il carabiniere Jonas Bacher, quinto il poliziotto Marco Abbruzzese e sesto Corrado Barbera AOC Ski College Limone. Il podio Aspiranti GPI (vinto da Saracco) è completato dal portacolori del Comitato Alpi Centrali tesserato Val Palot Alberto Claudani e da Alessandro Bertagnolli, Veneto Trichiana.

Augusto Barbera
Leonardo e Oriano Rigamonti