Sofia Goggia ©Pentaphoto

Gioia, sorriso ed entusiasmo. Sofia Goggia ritrova subito il podio al suo rientro alle gare. «Sono stata molto contenta – spiega -, avevo la gioia nel cuore di poter essere qui, di poter fare le prove e di poter correre indipendentemente da quello che sarebbe stato il risultato. Ma la condizione per provarci e per competere c’era: quindi se fosse arrivato qualcosa bene, se non fosse arrivato sarebbe stato comunque tutto da guadagnare. Ho sciato tranquilla, non ho avuto la minima aspettativa e forse a volte è quello il segreto per essere libera di testa. Ho pensato soltanto a linee perfette e ad appoggi solidi».

«VOLEVO SCIARE BENE» – «Non ho pensato minimamente al risultato, ma solo a sciare bene e ad avere l’esterno sotto curva dopo curva. Ho fatto davvero così ed è stato bello tornare in Coppa del mondo, rimettere addosso il pettorale e rifare tutta la routine dello zaino con le mie solite chicche. Sono davvero contenta, questo risultato è chiaramente una ciliegina, perché dopo tre mesi di stop con tre giorni di velocità nelle gambe, fare una prestazione del genere è oro colato. Ma nasce dalla consapevolezza di chi si è e da tutto quel lavoro fatto in questi mesi, anche se è stato un periodo davvero tosto».

«NON HO CREDUTO ALLA VITTORIA» – «Alla vittoria non ho mai creduto troppo fino in fondo, se non avessi preso così tanto sopra, forse ci sarei riuscita. Ma va benissimo così: sono partita accettando anche l’idea di arrivare ventesima, l’importante era tagliare la linea del traguardo e dire ‘Ok, Sofia è di nuovo qua’. Ho sciato libera da qualsiasi aspettative e forse quello è il segreto. Sì, è quello il segreto».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.