De Aliprandini mastica amaro

Nella classifica del gigante olimpico maschile non si legge il nome degli italiani, o meglio ci sono ma tra coloro i quali sono usciti di scena. Anche la gara di Luca De Aliprandini si è conclusa dopo una manciata di porte della seconda manche. Era in lotta per un podio, sapeva di dover dare il tutto e per tutto perché sono davvero in tanti ogni volta a giocarsi risultati e medaglie. 

«Dopo la prima manche non pensavo di esser andato così bene, non mi fidavo tanto, ma ero vicino e potevo giocarmi la medaglia. – racconta -. Sicuramente l’obiettivo era un altro, è chiaro che è dura da digerire ma questo sono le gare». 

Luca De Aliprandini era caduto nel gigante di Adelboden, era rimasto fermo diversi giorni rincorrendo di nuovo la grande condizione che finora aveva mostrato. È riuscito a farsi trovare pronto per il grande appuntamento. «So quanto ho lavorato in queste settimane per arrivare qui pronto, sono riuscito ad allenarmi bene nell’ultima settimana. Fisicamente sto bene e quindi potevo giocarmi le mie chance». 

E poi interviene sulle difficili condizioni meteo che hanno influito sullo svolgimento del gigante olimpico. Dopo una settimana di bel tempo sono arrivate neve e nebbia. « È un peccato che la gara più importante, su cui lavori tutto l’anno, sia stata fatta in queste condizioni di visibilità dove ho avuto un po’ di difficoltà, perché quando non vedo, non mi fido e rimango un po’ arretrato e gli errori vengono di conseguenza, cosa che non succede quando la visibilità è buona». 

Luca De Aliprandini resta a Pechino perché sarà uno degli atleti che parteciperanno al team event, ultima gara del programma dello sci alpino. «Poi andrò a casa per resecare e ripartire da quello che abbiamo fatto di buono in questa stagione. Ci sono da affrontare le ultime gare di Coppa del Mondo». 

Altre news

La federazione austriaca pronta a un’azione legale contro la Fis

La notizia ribalza dai media austriaci. L’Ösv, la federazione austriaca per intenderci, è pronta ad intraprendere un'azione legale contro la Fis. Motivo del contendere la centralizzazione dei diritti televisivi. Il presidente della Fis, Johan Eliasch nell’ultimo consiglio, ha fatto...

Goggia di nuovo sugli sci: «È stata durissima e non sarà facile»

Dopo quattro mesi di sofferenza, duro lavoro e fisioterapia, Sofia Goggia ha rimesso gli sci ai piedi. «È stata durissima e non sarà facile» scrive la bergamasca, che sta lottando contro l'ennesimo infortunio della carriera. Sci da slalom ai...

Tra piste in ghiacciaio e di atletica, tanti azzurri in raduno

Tra mare e montagna, tra piste da sci ancora in condizioni invernali e piste di atletica che iniziano a essere roventi. Entra nel vivo la preparazione delle Nazionali italiane, che da quasi un mese hanno ripreso ad allenarsi, in...

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...