Federica Brignone ©Ale Trovati/Pentaphoto

La combinata alpina di Crans Montana è di Federica Brignone. Ci ha provato soprattutto la canadese Roni Remme che nello slalom, dopo il sesto posto in discesa, firma il best crono e si piazza in attesa nel leadercorner. Ma l’azzurra parte decisa, non si spaventa di certo del ripido del tracciato o della neve molle viste le temperature primaverili in Svizzera con la gente in tribuna in maniche corte, realizza il sesto tempo e va a vincere conservando 38 centesimi sulla norvegese. La valdostana ama particolarmente Crans Montana avendo vinto negli ultimi tre anni: «Una pista molto tecnica e con tante curve da lavorare, qui il mio feeling è sempre alto. Lo slalom mi piace molto, su una neve primaverile che fa scivolare abbastanza e sulla quale mi trovo sempre molto bene perchè riesco a scorrere molto bene: è una vittoria che vale tanto, come del resto tutte e altre della carriera, questa vale perchè era dal gigante di Killington dello scorso mese di dicembre che non salivo sul podio, la benzina giusta per lo sprint finale di Coppa del mondo, ho tante energie da spendere, mi sembra di non ottenuto ancora abbastanza. Di solito a fine stagione riesco a mantenere alta la mia costanza di rendimento, ho sempre motivazioni altissime e tanta voglia di divertirmi, unita a tanta energia da sprigionare».
Terza piazza per la tanto attesa Wendy Holdener che risale otto posizioni, ma resta comunque a 1.04 da Federica Brignone.

Federica Brignone ©Marco Trovati/Pentaphoto

LE ALTRE AZZURRE – Perde due posizioni Marta Bassino che resta comunque nella top ten con il nono posto finale, scala in diciottesima piazza Nicol Delago, ventiseiesima Nadia Delago.

LA CLASSIFICA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.