Coraggio, atteggiamento e sensibilità, così ho vinto il gigante

Un fulmine in mezzo alla tormenta, pochi minuti dopo aver ripensato al mese trascorso in Argentina, dove in più di una occasione si è allenata con il maltempo. «Servirà tutto» aveva detto Federica Brignone al suo rientro in Italia ed ecco che a Mont Tremblant l’azzurra ha tirato fuori ancora una volta tutto il suo atteggiamento per fare la differenza. «Questa volta sono veramente orgogliosa di me stessa – racconta la campionessa valdostana -. Non si vedeva veramente nulla nella seconda manche, le condizioni climatiche erano difficili e peggioravano minuto dopo minuto. A quel punto nessuna riusciva a stare davanti a Direz, fra una manche e l’altra parlavo con mio fratello Davide e ci dicevamo che nell’ultimo mese abbiamo trovato spesso queste condizioni, dovevo farmi trovare pronta».

In mezzo al vento e alla neve si è fidata dei suoi piedi e della sua esperienza e con grande coraggio si è buttata in mezzo al tracciato, spingendo una porta dietro l’altra. O tutto o niente, di piazzamento fuori dal podio ce n’era già uno di troppo (quello di Killington), o salta il banco o salto io avrà pensato. Il risultato lo sapete, Federica Brignone ha calato una strepitosa doppietta nella località canadese, in un contesto davvero magnifico, per i colori delle sue abitazioni e il calore del pubblico. «Sono uscita dal cancelletto con la rabbia giusta dopo la prima manche, ero convinta e ho provato a dare il massimo, evidentemente avevo il sole dentro di me – aggiunge – Il coraggio in queste condizioni è molto importante e al tempo stesso bisogna avere coscienza di quello che si sta facendo e pensare a come sciare, perché non vedi per terra. Occorre lavorare molto con la sensibilità, ricordare dove ti trovi in pista e anche se il tuo corpo può bloccarsi, devi cercare di andare controvoglia».

Federica Brignone aveva dominato la prima manche del gigante di Soelden, subendo però la rimonta di Lara Gut-Behrami, poi un giro a vuoto per metà a Killington e ora una doppietta a Mont Tremblant, con il successo di sabato arrivato dopo aver comandato la prima manche e quello di ieri al termine di una strepitosa rimonta. Brignone si candida a essere grande protagonista in questa stagione, pronta a entrare nel vivo con le gare europee. È quarta nella generale, seconda a cinque punti da Gut-Behrami nel gigante.

Altre news

Odermatt in Colorado fa 11 di fila: battuti Meillard e McGrath. Anche noi sorridiamo: De Aliprandini 5°, Vinatzer 6°

E sono 11 di fila. Chi ferma Marco Odermatt? Il fuoriclasse elvetico fa paura. Sulla Strawpile  di Aspen rischia ma vince. Qualche imprecisione nelle porte iniziali, poi un errore di linea e l'ultimo intertempo dietro a Meillard di 8...

1a run Aspen: Odermatt davanti ma Steen Olsen e Meillard vicini. 8° Vinatzer, 9° De Aliprandini

Prima manche ad Aspen per il primo dei due giganti in programma. E chi è davanti? Il solito Marco Odermatt ovviamente. Però dietro non sono lontani: a 12 centesimi dallo svizzero c'è il norvegese Alexander Steen-Olsen e a 19...

Kvitfjell: niente prove, salta la discesa. In Norvegia doppio superG femminile, si recupera una gara della Val di Fassa

Cambia il programma della Coppa del Mondo femminile, che continua a lottare contro il maltempo. Neve, nebbia e pure pioggia nella parte bassa stanno complicando i piani di Kvitfjell, dove questo fine settimana si sarebbero dovute svolgere una gara...

Coppa Europa, Asja Zenere vince il superG in Val Sarentino

Stoccata vincente di Asja Zenere nel superG di Coppa Europa in Val Sarentino: prestazione in rimonta dell’azzurra che con il best crono negli ultimi due settori sale sul gradino più alto del podio, precedendo di 35 centesimi l’austriaca Magdalena...